Ravanelli: 'Rimpianto Donnarumma, bastava poco per prenderlo alla Juve. Gli feci il provino, nessuno gli segnava. Allegri è come Mancini'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

L'ex attaccante della Juventus, Fabrizio Ravanelli, ha concesso un'intervista a Tuttosport in cui ha raccontato un clamoroso retroscena legato a Gigio Donnarumma che è a tutti gli effetti un grosso rimpianto per la formazione bianconera.

GUARDA ANCHE - Donnarumma arriva a Parigi, ecco il video annuncio pubblicato dal portiere

IL PROVINO ALLA JUVE - "Se mi ricordo Donnarumma? E come faccio a dimenticarmelo! Era mostruoso già all’epoca. Aveva il fisico di adesso, però in un ragazzino di 12 anni. Ho il ricordo di un ragazzino potente, esplosivo, impressionante: parava tutto. Tanto che, siccome nessuno dei nostri ragazzi riusciva a segnare a Donnarumma dal limite dell’area, lo sottoponemmo a una scarica di tiri all’altezza del dischetto del rigore. Ma era comunque quasi impossibile fargli gol. Lasciava tutti a bocca aperta, Gigio".

RIMPIANTO JUVE - "Era un ragazzo differente dagli altri. Adesso è facile dirlo, ma già all’epoca comunicai al responsabile dei portieri che questo ragazzo andava preso subito perché sarebbe diventato un top assoluto. ​Il rimpianto è soprattutto quello di dieci anni fa, con un piccolo investimento si sarebbe potuto anticipare il Milan. Peccato, Donnarumma sarebbe stato l’erede perfetto di Buffon. Adesso c’è Szczesny, che è un altro grandissimo portiere e quindi capisco la scelta della società e di Allegri".

ALLEGRI - "Tutti prenderanno la nostra Nazionale come modello. La Juventus la scelta più importante l’ha già effettuata richiamando Allegri. Max è il grande colpo del mercato bianconero. È una garanzia: ricostruirà lo spirito, il carattere e la mentalità Juve necessari per tornare a dominare in Italia e in Europa. Un po’ come ha fatto Mancini nell’Italia: infatti sono due tecnici vincenti e che si assomigliano".

CENTROCAMPO - "​Io avrei puntato su De Paul e Locatelli. Purtroppo l’argentino è andato all’Atletico. Locatelli è da prendere subito. È in continua crescita ed è completo: ha tecnica, fisico, gamba, è bravo a impostare e prezioso nella riconquista della palla. Meglio lui o Pjanic? «Vedrei bene entrambi. Ma se devo sceglierne uno, dico Locatelli. Il centrocampista del Sassuolo, Allegri e Dybala si riveleranno tre super colpi".

RONALDO E ALTERNATIVE - "Ronaldo me lo terrei ben stretto. Cristiano viaggia ancora a medie-gol sovraumane, poi dipenderà da lui. Chi se partisse? Tutta la vita Gabriel Jesus del City. Meglio lui di Icardi o Vlahovic".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli