Rea attacca Sykes: “Non è la prima manovra così, le farà ancora”

Lorenza D'Adderio
motorsport.com

La stagione 2020 del Mondiale Superbike non inizia nel migliore dei modi per Jonathan Rea, che è costretto ad abbandonare Gara 1 in anticipo a causa di una caduta. Il Campione del mondo in carica scattava dalla terza casella e nei primi giri si è trovato in lotta per la prima posizione con Scott Redding e Tom Sykes, detentore della Superpole e decisamente efficace nelle fasi iniziali di gara.

Il Cannibale ha provato a rompere gli indugi da subito, con un sorpasso aggressivo sul pilota BMW, che non ha potuto far altro che accodarsi, salvo poi rispondere all’attacco con una manovra che ha portato i due al contatto. Questo ha obbligato l’alfiere Kawasaki a finire nella ghiaia, riprendendo poi la via della pista in ultima posizione.

Nella foga della rimonta però, Rea ha perso il controllo della moto, scivolando e chiudendo la sua gara alla Curva 8. Un errore del Campione del mondo in carica, che colleziona il suo primo zero in classifica dopo il round di Brno nel 2018, quando è caduto proprio per un contatto con Tom Sykes. Il Campione in carica è ovviamente deluso dal risultato odierno, ma non si risparmia sul giudicare la sua manovra, che considera eccessiva.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Leggi anche:

SBK, Phillip Island: Razgatlioglu si impone in Gara 1, Rea out

Rea attacca Sykes, affermando che non è la prima volta che si comporta in questo modo: “Tom è arrivato all’interno nella curva 4, io poi ho risposto al sorpasso. L’unica cosa che so davvero è che sono stato colpito da dietro. Però non capisco, erano i primi giri della prima gara della stagione. Ma non è la prima volta che si comporta così, l’ha già fatto in passato e quando è successo a Brno nel 2018 mi è andata male. Non sarà nemmeno l’ultima volta che lo farà”.

Poi spiega la dinamica della caduta quando era nelle retrovie: “Quando ho provato a passare Rinaldi, ho perso l’anteriore ed il posteriore insieme e sono finito a terra. È frustrante, perché non andavamo male fino a quel momento. Forse non ho reagito al meglio nella rimonta, quindi ho imparato qualcosa per me”.

Archiviata Gara 1, il pilota Kawasaki si proietta verso le due gare di domani: “Ovviamente dispiace per il ritiro, ma il campionato è comunque molto lungo e lo scorso anno ho recuperato un ampio distacco, quindi può succedere davvero di tutto. Per domani possiamo ambire al podio e se poi arriva un risultato migliore, è anche meglio”.

Tom Sykes, da parte sua, esprime la propria visione dei fatti. Il pilota BMW, che ha conquistato la Superpole battendo un nuovo record, è stato in testa nei primi giri, salvo poi perdere terreno da metà gara e tagliare il traguardo in nona posizione. Sul contatto con Rea afferma: “Nei primi giri abbiamo un po’ battagliato e siamo arrivati insieme in un paio di curve, una era la Curva 3, in cui ci siamo quasi toccati. Poi è rientrato in un punto in cui ero più lento e non sono riuscito a tirare la mia moto, quindi c’è stato un contatto. Mi dispiace, perché non è mai bello toccarsi, in particolare quando si è veloci. È un peccato che non sia riuscito poi a concludere la gara”.

“Non ho parlato con Jonathan – prosegue Sykes – volevo andare un paio di volte, ma il suo team mi ha detto di lasciargli un po’ di tempo. Gli volevo solo chiedere scusa per quanto successo. Ma mi è stato consigliato di non andare in quel momento, è comprensibile che magari non voglia parlarmi. Magari proverò a parlarci più tardi”.

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Polesitter Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team, Troy Bayliss

Polesitter Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team, Troy Bayliss <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Polesitter Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team, Troy Bayliss Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team

Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team <span class="copyright">Gold and Goose / Motorsport Images</span>
Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Potrebbe interessarti anche...