Renzi contro Sarri: "Ha offeso le Poste"

webinfo@adnkronos.com
Adnkronos

"L’allenatore della Juve, Maurizio Sarri, ha detto in conferenza stampa: 'se non volevo esami, andavo a lavorare alle Poste'. È un modo di dire tipico del passato, quando le Poste erano percepite come un carrozzone. Oggi Poste Italiane è una delle aziende più innovative del Paese, sia sulla consegna che sull’innovazione, i pagamenti digitali, il mondo cyber. Senza volerlo - immagino - Sarri è stato offensivo". Lo scrive il leader di Italia viva, Matteo Renzi, esprimendo un parere sulla battuta fatta dall'allenatore della Juventus che, a chi gli chiedeva se si sentisse sotto esame a causa degli altalenanti risultati della sua squadra, ha risposto che se non avesse voluto sentirsi giudicato avrebbe fatto l'impiegato alle Poste.  

Poste Italiane, 'tunnel' a Sarri: "Qui gli esami ci sono..." 

"Penso che, se andiamo a rivedere che cosa è accaduto alle Poste, e non solo alle Poste, in questi anni ci accorgiamo di una trasformazione straordinaria delle aziende italiane. Quelle che hanno attraversato la crisi e sono rimaste in piedi, sono oggi leader di mercato, efficienti, dinamiche, piene di energia. Poste Italiane sarà una delle aziende più forti nei prossimi 20 anni perché ha saputo scommettere sul futuro. Io intanto faccio i complimenti all’a.d. Matteo Del Fante, e a tutti i suoi colleghi. Quello di Del Fante è stato davvero un lavorone. Quello di Sarri semplicemente un autogol. Un sorriso", conclude Renzi.  

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...