Riaperture 15 gennaio, ipotesi "zona bianca": cos'è e come funziona?

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Photo by Vincenzo Lombardo/Getty Images)
(Photo by Vincenzo Lombardo/Getty Images)

Cosa accadrà dopo il 6 gennaio, ultimo giorno delle restrizioni del decreto Natale? È ipotizzabile una zona gialla in quasi tutte le regioni e un passaggio in zona arancione o rossa in tutta Italia nel weekend del 9 e 10 gennaio.

Visto l'aumento dei casi, fino al 15 gennaio, data di scadenza del dpcm attualmente in vigore, non è da escludere un'ulteriore stretta, ma è necessario attendere i nuovi dati per avere un quadro preciso.

GUARDA ANCHE: Dpcm: quali sono le regole per la zona arancione?

E dopo il 15 gennaio? La suddivisione in tre zone di colore potrebbe subire delle modifiche, con la possibile introduzione di una ‘zona bianca', in cui palestre, teatri e cinema potrebbero riaprire. Come riporta il Corriere della Sera, la proposta di una ‘zona bianca' è stata avanzata dal ministro della Cultura, Dario Franceschini. Nelle Regioni in cui il virus circola meno potrebbero riaprire non solo i luoghi della cultura, come cinema, teatri, sale da concerto, musei, ma anche palestre e piscine.

Nella zona bianca non dovrebbe essere in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5. Bar e ristoranti potrebbero riaprire senza limiti di orario, nel rispetto naturalmente delle misure di sicurezza, come il distanziamento sociale, l'obbligo di mascherina, e il divieto di assembramenti.

La zona bianca potrebbe essere introdotta già nel prossimo dpcm.

GUARDA ANCHE: Covid: indici in aumento, vaccinazioni a rilento