Ricciardo: "Il 2019 ha lasciato dei grattacapi a Renault"

Scott Mitchell

Ricciardo è approdato in Renault quest'anno, dopo una lunga parentesi in Red Bull, ed ha ottenuto come miglior risultato un quarto posto a Monza, anche se alla fine non è riuscito ad andare oltre al nono posto nel Mondiale e la squadra di Enstone è arretrata al quinto nel Costruttori.

Il team non è riuscito a ripetere il quarto posto dello scorso anno e la sua stagione è stata come le montagne russe, con le prestazioni migliori arrivate sulle piste a basso carico. Una situazione che ha messo in evidenza le carenze aerodinamiche della R.S.19.

Ricciardo ha dichiarato: "Mi aspettavo dei momenti difficili, perché ci sono in ogni squadra. Anche per la Mercedes, che è abituata a vincere, un quarto posto è un risultato negativo".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"I momenti in linea sono stati in linea con le aspettative, la top 5. Ma a volte i punti più bassi ci hanno dato dei grattacapi, perché non pensavamo di poter essere così indietro".

"Sapevamo di non essere da top 5 in ogni gara, ma quando ci siamo ritrovati a lottare per il 14esimo posto, pensavamo di essere finiti. Però sono stati anche i momenti che ci hanno permesso di capire che abbiamo ancora molto lavoro da fare".

Ricciardo infatti ha dichiarato di essere soddisfatto del modo in cui la sua squadra ha reagito alle difficoltà, dicendo che "sono servite a mettere benzina sul fuoco".

Inoltre ha spiegato come la lotta feroce a centro gruppo lo abbia costretto ad evolversi come pilota nel corso della stagione.

"Penso che la cosa più importante sia capire come essere perfetti" ha detto. "E' così facile andare oltre il limite per guadagnare un decimo e finire invece per perderne uno".

"Devi sempre cercare di tirare fuori il massimo dalla macchina, ma cercando di essere consapevole di dove sia il limite da non superare".

"Soprattutto a centro gruppo, perché non abbiamo delle vetture competitive come quelle dei top team. Quindi alla lunga perdi più tempo se, per esempio, finisci per surriscaldare le gomme".

"Capire quando bisogna essere più sensibili e quando provare a spingere di più, probabilmente mi ha insegnato più di ogni altra situazione in passato".

"Perché è ovvio che bisogna sempre cercare di guidare il più forte possibile, ma saper scegliere il momento migliore per spingere è una questione di disciplina e di esperienza".

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Erik Junius</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Erik Junius

Erik Junius

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Zak Mauger / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Mauger / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Lance Stroll, Racing Point, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team <span class="copyright">Andrew Hone / Motorsport Images</span>
Lance Stroll, Racing Point, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team Andrew Hone / Motorsport Images

Andrew Hone / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Jerry Andre / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Jerry Andre / Motorsport Images

Jerry Andre / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team <span class="copyright">Jerry Andre / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team Jerry Andre / Motorsport Images

Jerry Andre / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 con l'ala anteriore rotta, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, Sergio Perez, Racing Point RP19 e Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 con l'ala anteriore rotta, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, Sergio Perez, Racing Point RP19 e Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19 <span class="copyright">Steven Tee / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 con l'ala anteriore rotta, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, Sergio Perez, Racing Point RP19 e Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19 Steven Tee / Motorsport Images

Steven Tee / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team <span class="copyright">Andrew Hone / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team Andrew Hone / Motorsport Images

Andrew Hone / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Zak Mauger / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Mauger / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team <span class="copyright">Zak Mauger / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Mauger / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Simon Galloway / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Simon Galloway / Motorsport Images

Simon Galloway / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Glenn Dunbar / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Glenn Dunbar / Motorsport Images

Glenn Dunbar / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Glenn Dunbar / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Glenn Dunbar / Motorsport Images

Glenn Dunbar / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team <span class="copyright">Simon Galloway / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team Simon Galloway / Motorsport Images

Simon Galloway / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Joe Portlock / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Joe Portlock / Motorsport Images

Joe Portlock / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Mark Sutton / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team <span class="copyright">Zak Mauger / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Mauger / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Joe Portlock / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Joe Portlock / Motorsport Images

Joe Portlock / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 <span class="copyright">Andrew Hone / Motorsport Images</span>
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19 Andrew Hone / Motorsport Images

Andrew Hone / Motorsport Images

Potrebbe interessarti anche...