Riecco Luis Alberto: scuse ai compagni, ma non bastano. La Lazio prepara una multa salatissima

·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Il giallo si è risolto, ma la tensione resta. Dopo aver saltato il raduno di giovedì scorso, 8 luglio, Luis Alberto si è presentato martedì sera ad Auronzo di Cadore, sede del ritiro estivo della Lazio. Un ritardo che ha inevitabilmente fatto rumore, specie per l'alone di mistero che lo ha accompagnato per quasi una settimana. Poche, infatti, le certezze in merito all'assenza del Mago, non nuovo a momenti di frizione con la società biancoceleste. Che, ora, ragiona sulle conseguenze.

PRONTA LA MAXI-MULTA - Non bastano, infatti, le scuse manifestate dal giocatore nelle scorse ore verso i compagni e mister Sarri. Lo stesso che, durante la conferenza stampa di presentazione, spiegava: "Luis Alberto non ha risposto a una convocazione perciò è un problema societario. Dal punto di vista morale sto aspettando che arrivi e convinca me e i suoi compagni per quello che ha fatto. Se ci convincerà bene, altrimenti dovrà chiedere scusa". Scuse arrivate, dicevamo, ma non sufficienti per spegnere totalmente il livello della tensione. La Lazio, infatti, prepara una multa salatissima per il centrocampista spagnolo, già rientrato in gruppo per le sedute d'allenamento. Sul campo, lì dove Luis Alberto ha sempre dato le migliori risposte. E che continuerà a dare, molto probabilmente, con la maglia biancoceleste. Claudio Lotito, infatti, non si muove dalla richiesta di 50 milioni di euro, decisamente troppi per tutte le big del nostro campionato. Se è vero che il Milan ha avuto qualche timido approccio con l'entourage, non risultano reali tentativi con il club capitolino. Che, ora, attende nuove risposte sul campo dal suo Mago...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli