Rimini, pensionato uccide la moglie a martellate

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Nella notte tra domenica 25 e lunedì 26 ottobre un uomo ha ucciso la moglie a martellate. L’omicidio è stato commesso a Rimini, in zona Marina Centro. Il pensionato ha colpito a morte la 61enne ucraina al termine dell'ennesima lite.

E' stato lo stesso 69enne, verso le 4 del mattino, a fare scattare l'allarme chiamando la polizia. “Ho ammazzato mia moglie. Sono in via Destra del Porto. Mi voglio costituire”. Sono state queste le parole, fredde e ben scandite, pronunciate al telefono dall’uomo dopo aver commesso il delitto.

VIDEO - Femminicidi in aumento rispetto al 2019

Gli agenti si sono precipitati all’indirizzo fornito dal pensionato. L’uomo, originario della provincia di Matera, ha subito confermato la confessione resa poco prima alla sala operativa, e ha accompagnato i poliziotti in via Pola, dove abitava la coppia e dove è stata uccisa la donna.

Dai primi accertamenti la causa di morte è ascrivibile a “traumatismo cranico per colpi inferti con corpo contundente”. Il 69enne, accompagnato in Questura ed interrogato dal pubblico ministero, si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande.

GUARDA ANCHE - Pescara, sindaco distrugge le fontane a martellate