Rinnovo, Champions e Mondiale: per Zaniolo è sfida contro il tempo

·3 minuto per la lettura

Tutto è bene quel che finisce bene, soprattutto se le premesse non sono positive. Nicolò Zaniolo ha finora collezionato solo due reti in campionato in 20 presenze su 23 giornate. Non di certo il migliore inizio di stagione per l'attaccante, ma che non sorprende: dopo la serie di infortuni che hanno caratterizzato la sua carriera a partire da gennaio 2020, il trequartista giallorosso ci è andato con i piedi di piombo. Solo due gol che, tuttavia, il ventiduenne ha segnato nel giro di un mese, proprio a partire dallo scorso dicembre: segno di una promettente ripresa.

PROGRESSI - Aveva ragione quindi Mourinho, invitando la critica a “lasciarlo tranquillo, perché i suoi numeri stagionali sono strani e i gol arriveranno”. E la Roma, che ha notato i miglioramenti, non vuole perdere uno dei suoi più grandi talenti, fiduciosa nel pieno recupero dell’attaccante specie dopo le due ottime prestazioni contro Lecce, in Coppa Italia, ed Empoli in campionato.

RINNOVO - A Trigoria, infatti, si sta pianificando già da tempo di blindare il classe ’99 fino al 2027 – essendo in scadenza nel 2024 -, per evitare che segua il destino di Vlahovic, a un passo dalla Juve. E per parlare di cifre: la Roma sta pensando di alzare lo stipendio dell’attaccante - attualmente di 2,5 milioni a stagione - a 3,5 più bonus. Così, il numero 22 avrebbe il terzo contratto più alto della rosa, dopo quello di Abraham e Pellegrini. E a proposito di Tammy, con il quale Zaniolo ha consolidato una vera e propria sintonia professionale - dentro e fuori dal campo - sarebbe improduttivo separarli proprio adesso.

LE ASPETTATIVE - Inoltre, su di lui si cela una duplice responsabilità: da una parte il desiderio giallorosso di Mourinho di rincorrere la zona Champions e, dall’altro, l’impegno in Nazionale con Mancini, che punta sull’attaccante ex Inter per l’obiettivo Qatar 2022 a partire dalla sfida contro la Macedonia del Nord, e oltre. Soprattutto in un periodo in cui tra gli azzurri pesano l’infortunio di Chiesa e il periodo poco florido di Insigne. Chissà, potrebbe essere proprio lui la risorsa necessaria per permettere alla Nazionale di restare in gioco.

VIDEO - È nato Tommaso, il figlio di Sara Scaperrotta e Nicolò Zaniolo: ecco la prima foto del bebè

RUOLO – Secondo alcuni, il rendimento in crescita dell’attaccante giallorosso potrebbe dipendere anche del nuovo ruolo di seconda punta che gli ha conferito Mourinho, dopo aver constatato che una mezzala d’attacco come lui non può giocare da esterno. E a Mancini – come lui stesso ha confermato qualche settimana fa nel corso di una conferenza stampa – l'idea non dispiace affatto.

CORSA CONTRO IL TEMPO - Il tempo a disposizione per il 22enne non è molto. Ed è tanto quello perso nelle due stagioni inconcludenti a causa degli infortuni. Di sicuro è tardi, ormai, poter essere paragonato a fuoriclasse come Totti: che già a vent’anni aveva sfoderato la stoffa da campione e leader. Lo sforzo di Zaniolo dovrà essere maggiore per recuperare il tempo perso, ma non tutto è perduto: dalla sua ha una personalità forte e una tecnica di qualità.

VIDEO - Mourinho: "Da Zaniolo non mi aspetto nulla di particolare"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli