Rinnovo Insigne, ancora nessun accordo tra le parti: pessimismo in casa Napoli

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Il simbolo attuale del Napoli è sicuramente Lorenzo Insigne. La sua magnifica stagione è sotto gli occhi di tutti, così come il suo contratto in scadenza. Molti club in Europa non sono affatto indifferenti alla situazione dell'attaccante partenopeo e dopo le parole di Rino Gattuso, "vieni via con me", i dubbi che il Capitano azzurro possa salutare Napoli iniziano ad esserci. In ogni caso, le due parti hanno deciso di parlarne in estate, dopo l'Europeo, per cercare la soluzione migliore e far contenti tutti, prolungando l'accordo che scadrà a giugno 2022. A parlarne è l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport.

Insigne e Gattuso, Napoli | Francesco Pecoraro/Getty Images
Insigne e Gattuso, Napoli | Francesco Pecoraro/Getty Images

Le indicazioni che arrivano dopo un primo approccio, però, non spingono all’ottimismo. Insigne ha uno stipendio di 4,5 milioni di euro a stagione. Per restare, l'attaccante del Napoli pretenderebbe un milione in più all’anno, una richiesta che Aurelio De Laurentiis, presidente del club, avrebbe rispedito al mittente. La sua nuova politica si baserà sull’abbattimento dei costi.
Né Insigne né la società sono intenzionate a rompere, ma ciascuno vuole ciò che desidera. La posizione del presidente è decisa, potrebbe ammorbidirsi un po’ se la squadra otterrà il pass per la prossima Champions: 50 milioni di entrate garantite, potrebbero far rivedere a De Laurentiis la propria posizione ma, difficilmente, accetterà la richiesta di aumento, al massimo potrebbe concedere dei bonus. L’ipotesi che tutti vogliono allontanare, ma che bisogna considerare, è quella della rottura. A quel punto, ci sarebbe la possibilità concreta che il capitano possa essere messo sul mercato.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.