Riunione in appartamento interrotta dalla polizia

·1 minuto per la lettura
Bologna festa in casa
Bologna festa in casa

Le regole del nuovo Dpcm, firmato da Giuseppe Conte, sono molto rigide, ma anche necessarie per riuscire a contenere la diffusione significativa del Coronavirus. I contagi sono in continuo aumento e il rispetto di queste nuove restrizioni potrebbe far evitare un secondo lockdown. Non tutti, però, rispettano le norme in vigore.

Festa in casa a Bologna

Iniziano ad arrivare numerose segnalazioni di persone che si rendono conto che negli appartamenti vicini sono presenti tante persone. Questo è ciò che è accaduto a Bologna, dove è stata organizzata una festa in un appartamento, a cui hanno partecipato 23 persone. Si tratta di studenti spagnoli con un’età compresa tra i 20 e i 24 anni. Una festa organizzata andando contro le regole, visto che è sconsigliato far entrare in casa persone non conviventi, che è stata interrotta dalle segnalazioni dei vicini di casa. Tutte le telefonate alla polizia sono arrivate da un condominio di Via Mazzini a Bologna, circa all’una e mezza di notte.

Gli agenti, una volta arrivati sul posto, hanno intercettato uno degli inquilini presenti nell’appartamento, che ha fornito delle generalità false e proprio per questo è stato denunciato. Quando la polizia è entrata in casa ha scoperto che erano presenti molti altri giovani, più precisamente 23. Tutti sono stati multati per aver violato le misure per contenere i contagi da coronavirus e denunciati per il disturbo della quiete e delle occupazioni delle persone. Nell’appartamento vivono quattro ragazzi, che sono stati denunciati anche per ricettazione. Gli agenti hanno trovato un carrello della spesa con la catena tagliata.