Roland Garros, Djokovic: “Musetti diventerà un top player”

·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 giu. (askanews) - "Non ho mai avuto paura di perdere. Ad essere sinceri, all'inizio della partita mi sentivo più nervoso che sotto due set a zero. Ho giocato sotto un certo tipo di tensione e ho commesso troppi errori diretti. Non ho sentito i miei colpi". Così Nole Djokovic dopo il match vinto, non senza qualche difficoltà contro Lorenzo Musetti. "Dopo la pausa - continua - mi sentivo diverso. Ero un giocatore diverso. Dal terzo set ho giocato come avrei dovuto giocare all'inizio". Poi il calo di Musetti: "Ho visto che aveva problemi fisici. È un peccato per lui perché era in testa. Auguro tutto il meglio a Musetti. Ci conosciamo abbastanza bene, è un bravo ragazzo. Se continua così, un giorno diventerà un top player, ha tutto". Quanto è stata importante quella "pausa bagno" quando è uscito dal campo sotto due set a zero: " Se proprio volete saperlo, non ho usato il bagno. Durante la pausa mi sono cambiato le mutande. Ma ho approfittato soprattutto di questo momento per resettarmi mentalmente, per cambiare il mio ambiente. Anche se è una breve pausa, puoi fare qualche respiro e tornare come un nuovo giocatore". Nei quarti di finale affronterà Berrettini: "Un grande servizio, un grande diritto. Due grossi cannoni. È in forma. Ha iniziato quest'anno alla grande, battendo Dominic Thiem in Australia. Con il suo grande servizio, ha molte palle più facili da giocare. È molto bravo a rete ed è nella Top 10 da alcuni anni. "

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli