Roma, è ufficiale: Monchi il nuovo direttore sportivo

Il ds Monchi rassicura i tifosi della Roma: "La priorità era tenere Spalletti, ma gran parte del lavoro è già stato fatto. Il progetto è ambizioso".

Tutto in un giorno. Sono passate appena poche ore dall'arrivo di Monchi a Fiumicino alla firma sul contratto, che lo legherà alla Roma per i prossimi 4 anni con opzione anche per un'eventuale quinta stagione.

Ad annunciarlo è il club capitolino con un comunicato sul proprio sito ufficiale: "Il dirigente spagnolo, che si metterà subito al lavoro, ha firmato un contratto di quattro anni con un’opzione per il quinto. Monchi ha ricoperto la carica di direttore sportivo nel Siviglia negli ultimi 17 anni, periodo durante il quale il club ha conquistato nove trofei, in un’era di successi senza precedenti per la squadra andalusa".

Immancabili gli onori di casa: "A nome mio e di tutta l’AS Roma, do il benvenuto a Monchi nella nostra famiglia e non vedo l’ora di iniziare una lunga collaborazione di successo, in una nuova entusiasmante era per il Club”, ha dichiarato il presidente James Pallotta. “Non potrei essere più felice per l’arrivo di un dirigente, comunemente riconosciuto come una delle migliori menti nel mondo del calcio”.

Quindi la Roma ha ricalcato la carriera del suo nuovo dirigente: "Monchi, 48enne, ha rappresentato il Siviglia anche da calciatore come portiere, crescendo nel settore giovanile fino a diventare membro della prima squadra dal 1990 al 1999. Dopo il suo ritiro, è entrato a far parte del management del club nel 2000, diventando direttore sportivo poco dopo".

Via alla conta dei trofei conquistati... "Nell’arco di 17 anni, il Siviglia ha conquistato per cinque volte l’Europa League (ex Coppa UEFA), per due volte la Coppa del Re, oltre a una Supercoppa Europea e una Supercoppa di Spagna".

Infine c'è spazio anche per le prime considerazioni di Monchi: “Vorrei ringraziare il presidente della Roma James Pallotta e i membri dello staff dirigenziale per avermi dato questa opportunità”, ha dichiarato Monchi. “Questo è un progetto esaltante e non vedo l’ora di mettermi a disposizione dei tifosi, dello staff e dei calciatori di questa squadra storica, per tanti anni”.

Monchi succede così a Walter Sabatini in un ruolo estremamente delicato come quello di direttore sportivo. Lo spagnolo da una parte dovrà occuparsi delle operazioni di mercato e, dall'altra, di fare da collante tra dirigenza e squadra.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità