Roma, allarme riscatti: da Kluivert e Under a Nzonzi, ballano oltre 40 milioni

Francesco Balzani
·2 minuto per la lettura

In ballo ci sono più di 40 milioni. Un bottino vitale in anni di crisi come questo ma per ora solo virtuale per la Roma dei Friedkin. Soldi che arriverebbero dai riscatti esercitati dai diversi club in cui si trovano calciatori in prestito. Una manna dal cielo pure per Tiago Pinto chiamato a un mercato difficile in cui dovrà far quadrare i conti pure del monte ingaggi.

FLORENZI E OLSEN - Per ora solo Alessandro Florenzi ha ottime chance di essere riscattato dal Psg. Sia per la cifra modesta (9 milioni) sia per il positivo impatto dell'ex capitano giallorosso col club di Mbappè e Neymar. Un rimpianto più che una gioia quindi. Tutti gli altri invece sono in bilico ancor più quelli che hanno ingaggi importanti. Robin Olsen non dispiace ad Ancelotti ma la violenta rapina subita in casa pochi giorni sembra spingere lontano da Liverpool lo svedese che per non finire in minusvalenza dovrebbe essere venduto a 4,5 milioni. Una cifra che l'Everton non ha voluto pagare a gennaio. Il tempo per ricucire c'è.

RISCHIO RITORNI - Ancora più grande è il rischio per Steven Nzonzi che sta per finire il suo biennio di prestito al Rennes: per non perderci la Roma dovrebbe cederlo ad almeno 7,5 milioni e non è facile. Ballano ancora più soldi per Justin Kluivert che finora non è riuscito a ritagliarsi un ruolo da protagonista nel Lipsia nonostante le dichiarazioni d'amore dell'olandese per il club tedesco. La Roma dovrebbe ottenere dal suo cartellino 20 milioni come pattuito ma si accontenterebbe anche di 8,5 per non creare una minusvalenza. Sia la dirigenza sia il tecnico Nagelsmann restano piuttosto freddi sull'argomento. Discorso analogo per Cengiz Under in prestito al Leicester. ​ Il turco si è trasferito in Premier sulla base di 26 milioni di euro totali, dei quali 3 per il prestito oneroso e 23 per il diritto (inizialmente era obbligo) di riscatto. Tanti soldi che, uniti al rendimento altalenante del giocatore (3 assist e 1 gol), starebbero facendo riflettere mister Rodgers e la dirigenza del club inglese in vista del futuro.