Roma, caos abbonamenti: sistema in bug e tifosi inferociti, ecco cosa succede

·1 minuto per la lettura

Via agli abbonamenti. La Roma è stata la prima squadra a riaprire la campagna in epoca di Covid. Tanta, forse troppa la voglia dei tifosi però per il sistema che gestisce il tesseramento del club. La mattinata dei romanisti che volevano rinnovare il proprio abbonamento (prelazione fino a giovedì) o acquistarlo da capo sia stata, infatti, è stata un vero e proprio inferno. In migliaia in coda (virtuale) davanti a smartphone e pc, circa 300 persone in coda all’Olimpico. Ma solo poco più di 150 persone sono riuscite nell’impresa prima del cartello "Sold out". Un errore, un bug del sistema che la Roma ha subito tenuto a smentire. 

LE SCUSE - Tanto che il club, che si appoggia al sistema di VivaTicket, ha dovuto fare un tweet: “Il grande entusiasmo per la vendita degli abbonamenti ha generato lunghi tempi di attesa. Al fine di ottimizzare il processo, la vendita ripartirà alle ore 16. Ringraziamo i tifosi e ci scusiamo per il disagio”. In molti dopo ore di attesa si sono visti annullare la coda con eventuale rabbia mista a ironia sui social. ​“La Roma ha deciso di superare a destra Dazn”, scrive un utente su Facebook mentre un altro ironizza "Ma chi c'è al terminale? Nzonzi?". Molti altri sono infuriati per "aver perso una mattinata di lavoro". Nel pomeriggio il secondo round. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli