Roma fuori, Spalletti amaro: "Paghiamo le ingenuità, meritavamo di passare"

Niente da fare per la Roma. I giallorossi hanno provato col cuore a ribaltare la sconfitta per 4-2 in terra francese contro il Lione, ma all'Olimpico sono riusciti a imporsi soltanto con un goal di scarto. Per il tecnico giallorosso Luciano Spalletti è grande la delusione per l'uscita di scena da una competizione cui i giallorossi tenevano molto.

"Recriminazioni non ce ne sono. - ha premesso a 'Sky Sport' - Si va fuori perché si paga qualche ingenuità, in certi momenti non si riesce ad avere quel mestiere che richiedono queste partite qui. In alcuni momenti ci perdiamo".

"Per quello che si è visto stasera - ha aggiunto - meritavamo di più, meritavamo di passare il turno. Stasera la squadra ha fatto tutto quello che doveva fare. E' mancata solo un po' di buona sorte".

Poi l'attacco al Lione, accusato di atteggiamento antisportivo nel finale di gara: "Stasera c'è stata una roba bruttissima, - ha tuonato Spalletti - si sono buttati 10 volte perdendo tempo. Normale che noi si perda il ritmo, loro erano in difficoltà. Prima o poi andrà considerato questo tempo effettivo, vedere 10 giocatori a terra che perdono tempo, e si vede che lo fanno di proposito, è una roba che non capisco. Bisognava ammonire prima".

Le telecamere immortalano Spalletti rivolgersi anche verso la panchina avversaria nel concitato finale di gara: "Ho detto: ‘siete tutti pinocchi’, perché Pinocchio diceva le bugie", ha spiegato il tecnico giallorosso.

Spalletti post Lione PS ita

Ancora sottotono Edin Dzeko: "Ci sono giocatori che una partita la possono far meglio o peggio. - ha affermato l'allenatore toscano - Salah ad esempio stasera poteva fare di più con le qualità che ha lui, ma è così ci sono questi saliscendi di rendimento da accettare. Si prende la prestazione della squadra, che stasera aveva meritato di passare il turno".

"Bisogna ripartire da questa prestazione mettendoci poi qualcosa da dover migliorare. - ha proseguito il tecnico giallorosso - In alcuni momenti siamo poco scaltri, poco furbi. In queste valutazioni ogni tanto si perde qualcosa. Probabilmente visto come sono andate le partite è vero che in qualche momento potevo azzardare qualcosa per creare uno stimolo in più".

"Visto che avevamo preso una strada dove si riconoscevano tantissime qualità, sei sempre legato alle valutazioni con le partite ravvicinate. In questa conta di tutte queste partite qualcosa ho sicuramente sbagliato. Molto ha fatto questo gruppo di partite così importanti che ci sono capitate tutte insieme. Grandi errori non li ho visti, si sono perse delle partite". 

Al di là dell'eliminazione, la prestazione della squadra è stata incoraggiante. "Questa è una squadra forte, in alcuni momenti un po’ ingenua. - ha sottolineato Spalletti - C’è materiale per lavorarci noi si continua a fare questo fino alla fine dell’anno".

L'allenatore toscano ha infine chiosato sul suo futuro: "Per quanto mi riguarda non se ne parla più, se n'è già parlato troppe volte", ha concluso.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità