Roma fuori a testa alta, Nainggolan: "Dimostrata la nostra forza"

Secondo i media belgi Nainggolan sarebbe stato sorpreso al volante ubriaco con tanto di patente ritirata, il centrocampista della Roma però nega.

Non è bastato il successo per 2-1. La Roma saluta l'Europa League tra mille rimpianti, è il Lione ad accedere ai quarti del torneo. Ai microfoni di 'Sky' Radja Nainggolan è una maschera di delusione.

"Abbiamo avuto delle occasioni per segnare il 3-1, abbiamo dato tutto - spiega il belga - Abbiamo pagato il quarto goal di Lione, c'è tanto rammarico. Fin dall'inizio abbiamo cercato di ribaltare il risultato, ma non è bastato. Stasera, comunque, abbiamo dimostrato di essere una squadra forte".

Il pubblico dell'Olimpico ha risposto presente: "Ma quest'anno abbiamo vinto tutte le partite in casa tranne una - ricorda Nainggolan - Poi è chiaro che i tifosi si fanno sentire e ti danno qualcosa in più".

Nainggolan non è d'accordo con chi giudica la Roma poco adatta alle grandi sfide: "La squadra c'è, forse dobbiamo migliorare nella gestione delle partite quando passiamo in vantaggio. Stasera, però, è dura parlare di risultati, ci sono state tante occasioni e questo fa ancora più male".

La Roma ha risposto bene allo svantaggio iniziale: "Abbiamo fatto una grandissima partita a livello mentale, abbiamo pareggiato subito e continuato a spingere. La mentalità era quella giusta, peccato per i goal presi all'andata. Ora - conclude Nainggolan - dobbiamo andare avanti prendendo le cose buone della serata, non possiamo pensare sempre al passato".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità