Roma, ieri incontro con l'agente di Wijnaldum: fumata bianca in Israele

In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

"Che succede?", scrive Georginio Wijnaldum sui social. Sapendo bene che qualcosa sta per accadere davvero. Ieri infatti Tiago Pinto ha incontrato il suo agente per trovare un'intesa economica sull'ingaggio, con il centrocampista che al Psg guadagna circa 8 milioni. Il giocatore vuole Mourinho, e poi c'è l'ottimo rapporto tra Dan Friedkin e Nasser Al Khelaifi, soprattutto in tema di politica calcistica. Il futuro di Wijnaldum vivrà uno snodo decisivo entro il fine settimana. Quando i giallorossi voleranno ad Haifa per l’amichevole col Tottenham. In quelle ore anche il Psg sarà in Terra Santa dalle parti di Tel Aviv per la Supercoppa con il Nantes.

COSA MANCA - Cosa manca? La formula con la quale l’olandese dovrebbe passare alla Roma. Nelle ultime ore prende piede, infatti, anche l’ipotesi di un passaggio a titolo definitivo a un prezzo basso: meno di 10 milioni. A quel punto la Roma potrebbe sfruttare il Decreto Crescita e attutire di molto lo stipendio di Wijnaldum che potrebbe comunque rinunciare a qualcosa. E’ la formula che accontenta soprattutto il Psg chiamato a sfoltire necessariamente la rosa e il monte ingaggi. La Roma ci riflette e fino a oggi ha sempre preferito la formula del prestito con diritto di riscatto sui 12 milioni e metà stipendio (o anche più) milioni pagato dal club francese. L’intento è quello di arrivare alla fumata bianca proprio ad Israele. E il giocatore? Non vede l’ora di raggiungere Mourinho e avrebbe rifiutato in queste ore anche la proposta dell’Everton.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli