Roma-Kumbulla: 4 gare per la svolta in una stagione travagliata. Può diventare oro per Mourinho

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Al termine della passata stagione lo volevano letteralmente tutti perché l'annata di Marash Kumbulla con il Verona fu da applausi al punto da scatenare una piccola asta attorno a lui. Le squadre iscritte erano Juventus, Inter, Napoli e Roma e a spuntarla alla fine furono proprio i giallorossi che se lo assicurarono in prestito con obbligo di riscatto condizionato per 13,5 milioni di euro più altri 3,5 di bonus. Il riscatto è poi divenuto realtà lo scorso gennaio con la Roma che ha sottoscritto con lui un contratto fino al 30 giugno 2025. Una durata molto lunga che ora pone Kumbulla, inevitabilmente, a pieno titolo nel futuro del club, ma per confermarsi anche al centro del nuovo progetto guidato da José Mourinho il centrale italo-albanese ha ora 4 gare per ribaltare una stagione travagliata.

TROPPI STOP - Sì perché per Kumbulla la prima stagione in maglia giallorossa non è stata semplice. Sia per un ambiente non sereno legato ai problemi di spogliatoio della gestione Fonseca, sia per i tanti stop avuti e che non gli hanno permesso di lavorare con serenità e continuità. Prima il coronavirus, che lo ha lasciato fermo oltre un mese a novembre, poi un problema muscolare che lo ha bloccato per 15 giorni a febbraio e infine la lesione del menisco a fine marzo che ha comportato un altro mese di stop.

DATI RINCUORANTI, ORO PER MOU? - Ora Kumbulla è tornato e queste ultime 4 gare saranno fondamentali per il suo presente e per il suo futuro. Sebbene abbia giocato poco, infatti, la Roma con l'albanese in campo non solo ha vinto in percentuale di più (58% con lui contro il 48% senza di lui), ma soprattutto concede anche meno gol (1,37 contro 1,60 a partita). Kumbulla avrà sicuramente la possibilità di mettersi in mostra in queste 4 partite e la Roma ha già fatto sapere che sicuramente non sarà ceduto in estate. Mourinho sta già studiando l'organico per la prossima e il classe 2000 da qui a fine campionato avrà l'occasione per trasformarsi in un centrale d'oro anche per il portoghese il cui progetto, dichiarato, ripartirà dai giovani.