Roma, Mourinho chiede il 'leader' Xhaka: c'è distanza, i dettagli

·1 minuto per la lettura

“Granith Xhaka è l’uomo principale di tutto il centrocampo dell’Arsenal. Senza di lui l’Arsenal è perso. E’ un leader”. Questo pensava e diceva Josè Mourinho due anni fa dello svizzero dei Gunners. Normale, quindi, che il nome del centrocampista sia tra i più evidenziati nella lista consegnata a Tiago Pinto per il piano di rafforzamento di una Roma in cerca di carattere soprattutto nella zona nevralgica del campo. Per questo sulla lista dei partenti possono finire Diawara e Villar mentre in entrata si cerca proprio Xhaka.

DISTANZA - Lo svizzero, di origine albanese, parlerà in questi giorni con Mourinho mentre i due club proveranno a trattare per limare le differenze. La Roma offre 15 milioni, l’Arsenal ne vuole 25. C’è distanza. Colmabile solo se Xhaka farà pressione sul club inglese reduce da una annata che più negativa non si può. Il centrocampista è arrivato nel 2016 per 45 milioni dal Borussia M’Gladbach. E’ diventato un perno dell’Arsenal, anche se nell’ultima stagione ha avuto più di un problema. Non fisico. Capitano della Svizzera con tanto di 92 presenze e 12 gol, Xhaka con l'Arsenal ha invece totalizzato 220 presenze, 13 gol e 20 assist. Mourinho intende schierarlo nei due davanti alla difesa al fianco di Veretout o Koopmeiners, altro nome caldissimo nel taccuino di Tiago Pinto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli