Roma-Qarabag 1-0: Perotti goal, giallorossi agli ottavi da primi

Dopo il goal determinante per accedere ai gironi, Diego Perotti ne ha realizzato un altro pesantissimo, valso la qualificazione ed il primo posto.

La Roma batte il Qarabag per 1-0 grazie al goal di Perotti regala la qualificazione agli ottavi di Champions League da 'primi della classe'.

E' una gara in cui bisogna imporsi e la Roma cerca subito di prendere il comando sul campo, anche se gli azeri rimangono concentrati in difesa, schierata all'occorrenza a cinque. I giallorossi non affondano e trovano pochi spazi. Dzeko è meno mobile e un po' macchinoso. Si gioca in una sola metà campo, le poche conclusioni romaniste sono fuori dallo specchio. Il Qarabag in contropiede trova due spunti. Kolarov al 40' tira una punizione che Dzeko potrebbe mettere dentro, Manolas lo disturba e così tutto sfuma. Dzeko nel recupero ci prova ma non inquadra la porta, poco dopo Sehic è miracoloso su Nainggolan e respinge, sulla ribattuta di Perotti para.

Nella ripresa la Roma parte nuovamente all'attacco, e la storia non cambia: si fa fatica, tanta. Con un'azione insistita, però, arriva il vantaggio: a far esplodere l'Olimpico è Perotti con un colpo di testa. Il Qarabag è rabbioso e prova a venire avanti, ma i giallorossi recuperano e rimediano una serie di corner. Sehic è super al 62' ancora su Nainggolan. La gara è dura e Dzeko è in una delle sue serate no. La Roma controlla, gli ospiti la scuotono con un brivido all'83': Michel di testa tutto solo colpisce, Alisson se la trova tra le mani. Padroni di casa pericolosi anche con Kolarov e Dzeko che sbaglia ancora.

I GOAL

53' PEROTTI 1-0 -  Scambio veloce tra Perotti e Strootman che di tacco libera Dzeko. Il bosniaco spara addosso a Sehic, la palla s'impenna, ma ci pensa l'argentino a metterla dentro.

I MIGLIORI

ROMA: PEROTTI

Appannato a inizio match, diventa poi via via sempre più prezioso per i suoi. Già a fine primo tempo si mette in mostra con i suoi proverbiali dribbling, poi arriva la rete che vale la qualificazione.

QARABAG: SEHIC

E' provvidenziale con almeno due interventi su Nainggolan e Kolarov, non si fa mai cogliere impreparato. Para ed è attento, nulla può sul goal.

I PEGGIORI

ROMA: DZEKO

E' quasi irritante per i continui errori che commette, ma Di Francesco lo tiene in campo perché crea spazi e apre la difesa, anche quando non segna.

QARABAG: NDLOVU

In attacco è isolato e fa davvero pochissimo, non impensierisce mai la difesa avversaria. Esce nel finale dopo una gara incolore.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità