Roma, tutte le strade portano a Sarri: ecco il piano di rivoluzione

FB
·2 minuto per la lettura

Nella settimana di avvicinamento alla sfida delle sfide con il Manchester United a Roma impazza il toto-allenatore per la prossima stagione. Colpa (si fa per dire) delle voci sempre più insistenti su Maurizio Sarri che calciomercato.com aveva anticipato qualche settimana fa. L’ex tecnico di Napoli e Juve è in fuga solitaria per prendere il posto di Paulo Fonseca e nei prossimi giorni ci saranno ulteriori colloqui per studiare il futuro della Roma. La fumata bianca potrebbe arrivare i primi di maggio. Un progetto verde ma non solo. Un piano di rivoluzione sulla rosa, in concerto con Tiago Pinto e i Friedkin, che in parte però già convince Sarri individuato come il tecnico migliore per un progetto a medio termine che possa rivalorizzare il bel gioco e la tenuta fisica mancata negli ultimi mesi. Proprio come accaduto al Napoli. L’unico a poter mischiare le carte in tavola è Massimiliano Allegri avvistato a Roma ufficialmente solo per motivi personali.

COSA RESTA - Al tecnico, pronto a liberarsi dalla Juve, piace ad esempio l’idea di poter allenare Nicolò Zaniolo e di poterlo provare in più parti del campo. Da mezz’ala nel suo 4-3-3 ma pure in attacco dove potrebbe ritagliarli una parentesi alla Mertens. Alta stima pure per El Shaarawy (che avrebbe voluto al Napoli anni fa) e il rientrante Cengiz Under oltre che per Veretout e Lorenzo Pellegrini che potrebbe diventare l’Hamsik della Roma. In difesa resterebbero di certo Mancini e Smalling mentre sulle fasce c’è bisogno di almeno un innesto. Una rosa che Sarri giudica già buona ma ovviamente da migliorare. Così come va rivisto il programma di preparazione: ritiro più lungo (coppe e Covid permettendo), doppie sedute e maggior lavoro col pallone.

E COSA CAMBIA - La vera rivoluzione sarà in attacco perché in estate potrebbe chiudersi il ciclo di Dzeko alla Roma. Borja Mayoral per quest’anno non sarà riscattato e si cerca quindi un numero 9 all’altezza. Il primo nome della lista è Dusan Vlahovic che per età e ingaggio ha l’identikit ideale. La cifra chiesta dalla Fiorentina (circa 40 milioni) è alta ma i Friedkin preferiscono spenderla per uno come il serbo che per un giocatore più in la con gli anni. Tiago Pinto è convinto possa diventare un crack. Alle sue spalle c’è il Gallo Belotti che costa meno ed è in scadenza 2022 con il Torino. A centrocampo si monitora Koopmeiners dell’Az Alkmaar e piace (ma costa) Locatelli del Sassuolo. Anche Nandez del Cagliari rientra tra i candidati per completare il pacchetto. In difesa caccia a un terzino (con Reynolds destinato al prestito) con Hysaj che in estate si libererà a parametro zero dal Napoli ma pure un occhio ai centrali visto l’addio di Fazio e Jesus e l’interesse per Bonifazi dell’Udinese. In porta il candidato principale resta Musso, sempre dei friulani.