Romagnoli e il futuro al Milan: "Ho un altro anno di contratto. Chiedete ai dirigenti, non a me"

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

Intervistato ai microfoni di Dazn dopo il triplice fischio della sfida casalinga vinta 2-0 contro il Benevento, il capitano del Milan, Alessio Romagnoli, si sofferma ad analizzare la partita di San Siro senza però evitare di rispondere alle domande sul suo futuro.

Alessio Romagnoli | Marco Luzzani/Getty Images
Alessio Romagnoli | Marco Luzzani/Getty Images

I TRE PUNTI - "La vittoria era fondamentale, sappiamo tutti che a Roma non abbiamo fatto bene, però l'importante era azzerare e proseguire e oggi abbiamo fatto una grande gara. Ci aspettano 4 gare importanti".

LA VOGLIA DI GIOCARE- "Io vorrei sempre giocare poi le scelte le fa il mister. Io sono pronto a dare tutto me stesso finché sarò qua. Poi ora l'importante è la squadra e l'obiettivo comune. Chi gioca dia l'anima".

LO STATO DI FORMA - "Stiamo bene, non abbiamo passato un buon periodo, ma dobbiamo isolarci da tutto il resto e pensare al campo".

LA FORZA DEL GRUPPO - "Il gruppo si vede in questi momenti. Dobbiamo lavorare bene e presentarci domenica sera contro la Juve nel miglior modo possibile".

IL FUTURO CON O SENZA CHAMPIONS LEAGUE - "Io ho un altro anno di contratto sono domande che dovete fare ai dirigenti e non a me".

Segui 90min su Instagram.