Ronaldo: "L'Inter sarà per sempre nel mio cuore, ma con Moratti ho sbagliato! Sul Milan e CR7..."

Patrick Ucciardo
90min

In una lunga ed interessante intervista concessa ai microfoni di Sky Sport, Luís Nazário de Lima meglio conosciuto come Ronaldo, si è raccontato per la trasmissione "I Signori del Calcio" (la puntata integrale andrà in onda domani alle 23.30): dall'amore per l'Inter ai trascorsi al Milan, fino agli infortuni e al dualismo con l'altro Ronaldo, quello della Juventus.


Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

​Queste le sue parole: 

SULL'INTER: "L’Inter è nel mio cuore e lo sarà per sempre. Sono stati 5 anni bellissimi della mia vita. 5 anni in una città che ho imparato ad amare, con la gente che mi ha voluto sempre molto bene. Ho un amore per Milano e per l’Inter che credo rimarrà per sempre. L’amore che ho sentito e ricevuto in Italia non l’ho sentito da nessun’altra parte. Senza dubbio. Ora da presidente devo dire che Moratti è una forte ispirazione per me. Un’ispirazione perché mi ha insegnato tantissimo, dai valori importanti ai rapporti con i calciatori, compreso con me. Sicuramente il valore umano. Il rapporto umano che lui ha sempre avuto con tutti quanti. È una persona meravigliosa che ti guarda negli occhi e ti tratta sempre in maniera gentile. Non rifarei alcune cose. Legato all’Inter ad esempio non rimetterei il Presidente Moratti spalle al muro per decidere il mio futuro. Perché nel momento in cui gli ho chiesto di mandare via Cuper altrimenti me ne sarei andato via io, Moratti ha deciso di tenere Cuper. Perciò non lo rifarei, cercherei piuttosto di far prevalere la mia idea in un’altra maniera in quella situazione".


SUL MILAN: "Al Milan sono stato molto bene. Ho imparato molto ed ho conosciuto una società incredibile. I tifosi milanisti mi hanno accettato e trattato molto bene. Perciò non c’è una squadra in cui mi sono pentito di andare".


CAPITOLO INFORTUNI: "Sì, quello purtroppo è stata una costante in tutta la mia carriera purtroppo. Credo che nella mia generazione ci siamo allenati nella maniera sbagliata per tantissimi anni. Oggi se vedi gli allenamenti, è tutto molto più individualizzato e specifico per ogni giocatore. Forse questo avrebbe risparmiato qualche infortunio. Non lo so. Avrei voluto senza dubbio non avere tanti infortuni. Però allo stesso tempo anche gli infortuni mi hanno fatto diventare quello che sono. Ho imparato tantissimo di quel periodo. Ho imparato tantissimo da queste sofferenze. Posso assicurare che ciò mi ha fatto diventare una persona migliore. Per chi ha un problema al ginocchio, le scale sono sempre il peggiore tra i nemici! Il ginocchio mi ha fatto veramente una guerra molto lunga e difficile, però alla fine direi che ho vinto io, l’ho battuto! Anche se è stato un problema sia il ginocchio destro sia il ginocchio sinistro, alla fine l’amore per il calcio mi ha fatto vincere questa battaglia. Sì quella discesa mostrava chiaramente i dolori che avevo in quel momento. Scendere la scala è un movimento eccentrico, ovvero dove si sente di più una tendinite. È un dolore difficile da spiegare a parole".



MESSI, CR7 E NEYMAR: "Messi mi entusiasma. Mi fa sognare, mi fa divertire. È un giocatore veramente speciale. Fa delle cose che nessuno si aspetta. Con lui in campo c’è sempre una sorpresa. Ha un controllo di palla che pochi lo fanno oggi. Portare la palla in avanti con velocità e così vicina al piede, saperla proteggere così bene e tirare in porta come sa fare lui mi piace. Anche Cristiano Ronaldo non posso escludere e dimenticare. Un altro giocatore speciale con tantissima qualità e con una forza incredibile. Sono i due giocatori che mi fanno sognare. Neymar è ancora un pelino più indietro di loro due, però è lì che si avvicina. Speriamo che possa avere più continuità e che possa diventare un grandissimo giocatore".

IL VERO RONALDO: "Questa è una battuta che non deve dar fastidio a nessuno dei due. Perché quando me lo dicono io rimango molto orgoglioso e sono sicuro che anche lui lo sia. Diciamo che entrambi siamo i veri Ronaldo!".

Potrebbe interessarti anche...