"Ronaldo vuole il City". Addio alla Juve?

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Cristiano Ronaldo vuole lasciare la Juventus e trasferirsi al Manchester City. È questa l'indiscrezione lanciata dall'Equipe secondo cui Jorge Mendes, il procuratore del cinque volte Pallone d'Oro, starebbe lavorando per accontentare CR7 e portarlo alla corte di Pep Guardiola. L'affare si potrebbe fare solo nel caso in cui i 'citizens' non riuscissero ad acquistare dal Tottenham Harry Kane, primo obiettivo di mercato. Ronaldo avrebbe anche preso contatto con alcuni suoi compagni di nazionale che militano tra i campione d'Inghilterra: Bernardo Silva, Ruben Dias e Joao Cancelo.

Intanto Khalifah Bin Hamad Al-Thani, fratello dell'emiro del Qatar proprietario del Psg, ​Tamim bin Hamad Al Thani, contribuisce ad alimentare voci e suggestioni pubblicando una foto su Twitter: si tratta dell'immagine di Leo Messi di CR7 insieme con la maglia del club parigino e il commento "Forse?".

"CR7 è un giocatore della Juventus F.C. È poco rispettoso continuare a mettergli altre maglie addosso come fosse una figurina. Se cambierà squadra, ovunque andrà, avrà rispetto come uomo e atleta. Poi vede, diceva un Signore, che per noi il calcio è una passione. Da generazioni", chiosa sempre su Twitter Lapo Elkann, grande tifoso della Juventus, commentando il tweet di Al-Thani

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli