Rudi Garcia: 'No alla Fiorentina? Volevo un progetto da Champions. Tornerei alla Roma. Il violino contro la Juve? Fu un'ingiustizia'

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·3 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

In una lunga intervista concessa al Corriere dello Sport l'ex allenatore della Roma e oggi fermo dopo l'addio al Lione, Rudi Garcia, è tornato a parlare della sua esperienza in giallorosso aprendo le porte anche ad un clamoroso ritorno. E quel violino contro la Juve.

COMMENTATORE - "Spero di poter fare la seconda voce anche per le squadre italiane impegnate in Champions. E’ un modo per restare in contatto con il livello più alto del calcio europeo. Sarà una bellissima esperienza, ma spero che duri poco, perché ho voglia di tornare in panchina

FUTURO - "Ho fatto questa scelta anche se ho avuto tante proposte, anche da una squadra che partecipa alla Champions. Ma erano proposte interessanti solo economicamente, o senza il supporto di un programma giusto. Aspetto un progetto in Inghilterra o in Spagna, che sono le mie priorità, poi ovviamente anche in Italia o Francia". LA FIORENTINA - "Il No alla Fiorentina? Mi avevano cercato tanti club, ma non mi interessava andare in una squadra che non gioca la Champions o che non può raggiungerla, non è nei miei piani. Sono diventato esigente, adesso è così".

PELLEGRINI - "Quanto è bravo Lorenzo! Ha tutto per essere un grande calciatore. E’ forte tecnicamente, è alto per essere un centrocampista e soprattutto ha una comprensione tattica non comune. Gli dici una cosa e la assorbe subito, è molto intelligente. L’aspetto in cui sta migliorando da alcune stagioni riguarda i numeri: sa fare gol assist, è un giocatore completo. Può giocare in tutti i ruoli, sa fare tutto, lo vedo bene in questi ultimi mesi perché ha più libertà in fase offensiva, può arrivare in porta. Ha carattere, sa farsi rispettare. In campo si fa vedere, vuole la palla, non si nasconde quando le cose vanno storte. E’ un giocatore sul quale puoi contare. Per un allenatore è l’ideale".

LA ROMA - "Sono legato al ricordo del record. Ho in mente tutte le dieci vittorie, anche l’undicesima a Torino, dove dovevamo vincere. Ricordo anche la decima, contro il Chievo, faticammo e il gol di Borriello arrivò alla fine. Ricordo ognuna di quelle bellissime vittorie. Avevamo una squadra che aveva voglia di riscattarsi, una squadra tecnica, completa, con tanti guerrieri. Fu una grande stagione. A Roma mi è mancato solo una vittoria, il primo anno ci eravamo vicini".

IL VIOLINO CON LA JUVE - "Eravamo avanti, poi la Juve segnò il gol del pareggio ma c‘era fallo su Benatia. Fu un gesto istintivo, io ho sempre difeso i club dove ho allenato. In quel caso non ho sopportato un’ingiustizia, una grande ingiustizia. Un gesto elegante? Lascio a voi l’interpretazione". TOTTI - "Il Capitano era ancora un grande giocatore, è sempre stato un fuoriclasse, prima di me, con me e dopo di me. Uno come Francesco non lo avevo mai incontrato. Vede tutto prima degli altri, nessuno è come lui. Ha un tiro formidabile. Sono molto fiero di essere stato il suo allenatore, ci mandiamo ancora messaggi, spero di venire a Roma per incontrarlo".

FLORENZI - "Fui io a spostarlo terzino e non fu la prima volta, è una mia specialità. Penso a Mathieu Debuchy al Lilla, a Bouna Sarr, che oggi è al Bayern Monaco. I terzini sono i primi attaccanti nel mio gioco, loro sono giocatori offensivi che si sono abbassati". IL MIO ADDIO - "Fino a un certo punto ho avuto un buon rapporto con tutti i dirigenti. Poi penso che non avessero gradito una frase che dissi dopo l’ultima partita del secondo anno, quando arrivammo ancora secondi. Dissi che il gap con la Juve era incolmabile, era la verità. Anche alla terza stagione eravamo primi a ottobre, poi troppi pareggi, ma ero convinto che avremmo potuto raggiungere ancora la Champions. Ma le cose sono andate in un altro modo.

TORNEREI - "Io mi tengo solo i bei ricordi, mi piacerebbe un giorno tornare ad allenare la Roma, o anche altrove, in Italia. Amo la lingua, il Paese, la serie A".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli