Salto a ostacoli, l’Italia brilla nella mattina di gare del CSI2

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 set. (askanews) - Con la gare del CSI2 della mattina ha preso il via la seconda tappa romana del Longines Global Champions Tour, prestigioso circuito internazionale di salto ostacoli che ha regalato subito grandi soddisfazioni per i colori azzurri. Dominio italiano al Circo Massimo - si legge in una nota - con i trionfi di Massimiliano Ferrario (nella foto) nella 140/145 a fasi e di Filippo Martini di Cigala nella 125/130. A sugellare la mattinata anche i terzi posti di Umberto Riboldi (140/145) e Guido Grimaldi (125/130). Sale l'attesa per un pomeriggio all'insegna dello spettacolo con il CSI5 e con il primo round della Global Champions League.

Quattro italiani sugli scudi nella mattinata del CSI2 al Circo Massimo. Nel Large Tour 140/145 a fasi è trionfo per il veterano Massimiliano Ferrario, che realizza un ottimo 35.78 entrando come ultimo dei quaranta partecipanti. Compagno di gara di Ferrario, Loro Piana Rigoletto della Florida, lo stallone italiano a cui il cavaliere lega i suoi risultati migliori. Secondo posto per l'amazzone francese Nina Mallevaey, che registra un 36.50 in sella a Corazon. Bene anche Umberto Reboldi, ventisettenne cavaliere reduce dal quinto posto all'Arezzo Equestrian Centre nel Gp 160 del Talent Show Jumping, che ottiene la terza posizione in sella a Heros Oh con 37.51. Tra gli altri italiani in gara, da registrare il quinto posto della giovane Sofia Manzetti che in coppia con Fiolita ferma il cronometro sul 37.76, e il settimo di Michol Del Signore (0/38.06) su Irish Coffee, davanti al connazionale Antonio Campanelli in binomio con Cornet Rouge (0/38.17). Successo anche per l'azzurro Filippo Martini di Cigala (nella foto) che trionfa nel Medium Tour della 125/130 a fasi bissando il successo della scorsa settimana: il Caporal Maggiore in sella ad Adamantea dell'Esercito Italiano chiude il percorso senza errori con 35.00. A seguire il brasiliano Felipe Coutinho Mendoça Nagata in sella a Monseigneur (35.31). Applausi del pubblico di casa anche per Guido Grimaldi: il cavaliere napoletano centra la terza piazza in binomio con Gerardo-E in 35.56. Sesto posto per l'Aviere Stefano Nogara (38.33) su Ficardi B.

Nella categoria 110/115 l'unica italiana in gara, Gioia Cremonese (argento a squadre agli scorsi Europei Ambassador) in sella a Claus termina al nono posto con 58.19 e due penalità. La vittoria va al quattordicenne belga Kasper de Boeck su Gerenia (0/34.82), davanti a Mary Kate Olsen e Iowa van het Polderhof (0/38.48) e al binomio composto da Isabel Coleman e Jus d'Orange van't Bisthof (0/38.83).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli