Ferrero attacca De Laurentiis: 'Non ha rispettato gli accordi per Petagna, chiedeva sempre più soldi'

·1 minuto per la lettura

A margine della presentazione dell’accordo fra la Samp e il comune di Bogliasco per la riqualifica delle aree sportive, il presidente blucerchiato, Massimo Ferrero, ha parlato dell'ultimo mercato e della stagione appena cominciata:: "Dopo tanto lavoro quello di oggi è un risultato importante. Ringrazio tutti quelli che mi hanno seguito in questa cosa".

Che bilancio dà al calciomercato? "La soddisfazione nel calcio non c'è mai, se il mercato me lo avesse permesso avrei preso altri giocatori, non faccio regali all'allenatore ma alla Sampdoria e a Massimo Ferrero. Avrei fatto altri acquisti. Vorrei portare a gennaio altri due talenti".

Cosa ci dice del caso Petagna? "Che la salute ci guadagna (ride ndr). La cosa è che tutti i calciatori sanno che alla Samp si sta bene, la città è bella e i tifosi sono i migliori d'Europa. Tutti vogliono venire. Su Petagna dovete chiedere ad Aurelio De Laurentiis, gli ho mandato un messaggio dicendogli di risolvere il problema. Eravamo d'accordo ma gli accordi non sono stati rispettati, non da parte nostra. Ogni volta veniva aumentato qualcosa, ho detto sempre sì ma alla fine ho dovuto dire no".

Ora c'è Caputo. "Non voglio parlare più di Petagna, abbiamo preso un signore molto motivato, lo seguo da anni e l'età non conta. Guardate Quagliarella, è un bambino. Conta la testa e la voglia, Caputo è un grande calciatore. O lui o Quagliarella mi faranno un regalo contro l'Inter. Vorrei che Mancini chiamasse anche Quagliarella".

Alla fine è riuscito a trattenere tutti. "Non ho faticato a trattenerli. Chi viene qui non vuole più andare via".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli