Sampdoria-Fiorentina 2-2: Spettacolo a Marassi, la Viola saluta l'Europa?

La Fiorentina riprende per ben due volte una partita che ormai sembrava persa. Il 2-2 è frutto delle reti di Fernandes, Alvarez, Rodriguez e Babacar.

Sampdoria e Fiorentina illuminano il 'lunch match' della domenica e regalano uno spettacolare pareggio per due a due. La squadra di Giampaolo continua nella sua serie di risultati utili, mentre quella di Paulo Sousa forse rinuncia alle speranze di Europa League. 

Paulo Sousa sorprende tutti, come sempre, con la comunicazione della formazione ufficiale: ci sono Bernardeschi e Babacar, mentre Chiesa e Kalinic vanno in panchina. Borja Valero arretra a centrocampo, con Sanchez in difesa. Sulla sponda blucerchiata invece viene confermata la squadra che ha battuto l'Inter a San Siro, con Quagliarella e Schick in attacco; Linetty a centrocampo e Dodò in difesa sulla fascia sinistra. In campo il match comincia subito su ritmi infernali, con la Sampdoria che dà continuità al suo momento d'oro, trovando il vantaggio in apertura con la bella giocata di Bruno Fernandes, in stato di grazia. 

La partita è divertente e vivace, perché entrambe le squadre amano giocare palla a terra, senza paura di impostare la manovrà già con i difensori e i portieri. La Fiorentina nel primo tempo viene offuscata dalla furia della Sampdoria, che sfiora anche il raddoppio sempre con Bruno Fernandes. La Viola fatica a creare pericoli dalle parti di Viviano, con i blucerchiati che ancora una volta muovono la difesa perfettamente. Nella ripresa Paulo Sousa prova subito a far cambiare marcia alla sua squadra, con l'ingresso in campo di Kalinic.

Ed in effetti qualcosa cambia nel secondo tempo, con la Fiorentina che comincia a far correre qualche brivido lungo la schiena di Viviano: il più forte sicuramente con il palo colpito da Tello, su conclusione decentrata dalla destra. E' solo l'assaggio del goal, che arriva poco dopo con il primo timbro in campionato per Gonzalo Rodriguez. Ma Giampaolo è bravo a cambiare la partita con i cambi, inserendo Ricky Alvarez. L'argentino trova il goal appena entrato in campo, sbloccandosi. Il pomeriggio per la Fiorentna si conferma sfortunato quando Kalinic trova il secondo legno di giornata, con una clonclusione di testa. Questa gara però non muore mai. Come la Fiorentina, che nei minuti finali agguanta per i capelli il pareggio, con la rete di Babacar.

I GOAL

5' BRUNO FERNANDES 1-0 - Palla in profondità per il portoghese che, dal limite dell'area e sul filo del fuorigioco, caclia ad incrociare un destro imprendibile per Tatarusanu. 

60' GONZALO RODRIGUEZ 1-1 - Su calcio d'angolo dalla sinistra, il difensore argentino attacca il primo palo e sorprende tutti, battendo Viviano con un'incornata potente.

71' ALVAREZ 2-1 - Appena entrato in campo, l'ex giocatore dell'Inter riceve palla dalla sinistra e scarica un tiro potente sul primo palo del portiere, con Tatarusanu che sicuramente poteva fare qualcosa in più.

89' BABACAR 2-2 - L'attaccante della Fiorentina prende palla sui venti metri e calcia a giro di interno destro: il pallone non è angolato ma beffa Viviano grazie alla traiettoria a pallonetto.

I MIGLIORI

SAMPDORIA: BRUNO FERNANDES

Il calciatore portoghese è uno dei più in forma di tutta la squadra. Ha il merito di sbloccare la gara nei primi minuti e sfiora anche il goal successivamente. Nella zona tra il centrocampo e l'attacco si fa sempre vedere dai compagni, con giocate di qualità.

FIORENTINA: BABACAR

Nessuno brilla particolarmente nella Fiorentina, ma l'attaccante si batte per tutta la partita nella morsa tra Silvestre e Skriniar, trovando il decisivo goal del pareggio nel finale.

I PEGGIORI

SAMPDORIA: LINETTY

In una partita dove tutta la Sampdoria gioca un bel calcio, il centrocampista polacco è sicuramente il giocatore meno in evidenza.

FIORENTINA: ILICIC

Il trequartista sloveno è nella sua classica giornata "no". Ciondola tra il centrocampo e l'attacco e viene sostituito da Paulo Sousa a fine primo tempo.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità