Sarà un mercato di sacrifici per l'Inter: ecco chi può partire

·1 minuto per la lettura

Mercato. Questo il motivo principale che ha portato alla rottura tra Antonio Conte e l'Inter e al prossimo arrivo in panchina di Simone Inzaghi. La difficile situazione societaria che vive il club nerazzurro ha imposto una condizione che l'ex tecnico salentino non ha potuto accettare: un saldo attivo tra acquisti e cessioni tra i 90 e i 100 milioni di euro che, tradotto, significa il sacrificio di uno o due big.

Lautaro Martinez | Mattia Ozbot/Getty Images
Lautaro Martinez | Mattia Ozbot/Getty Images

Lo ha rivelato la Gazzetta dello Sport, con il quotidiano sportivo che ha spiegato anche come i maggiori indiziati a salutare Appiano Gentile siano Lautaro Martinez e Achraf Hakimi. Non una novità per l'attaccante argentino, già vicino al Barcellona prima dello scoppio della pandemia e il dietrofront del club catalano. Il Toro, però, sembra comunque destinato alla Spagna, visto il possibile derby di mercato tra Real e Atletico Madrid. Nonostante le richieste, però, il primo che potrebbe partire è Achraf Hakimi, ad un solo anno dal suo arrivo all'Inter. Tanti i club sul forte esterno marocchino, tra cui Bayern Monaco e Real Madrid (proprio la squadra dove è cresciuto e che l'ha poi ceduto ai nerazzurri). C'è anche il Psg, che potrebbe voler imbastire uno scambio con Leandro Paredes: ma l'Inter, chiaramente, vorrebbe un'operazione solo cash.

Achraf Hakimi | Jonathan Moscrop/Getty Images
Achraf Hakimi | Jonathan Moscrop/Getty Images

La situazione migliore si verificherebbe se si riuscisse a vendere (bene) solo un titolarissimo, aggiungendo poi addii meno dolorosi come quelli di Arturo Vidal (alto il suo ingaggio), di Stefano Sensi, di Matias Vecino (che piace al Napoli), di Joao Mario e Radja Nainggolan. Per Alexis Sanchez, invece, sarà Simone Inzaghi decidere.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli