Sarri risponde a Spalletti: "Lui sarebbe il Ministro della Difesa"

Sarri: "Mertens è un giocatore splendido. La nostra prestazione è stata qualitativamente buona, ma dovevamo chiudere prima la partita".

0-0 al San Paolo. Primo pareggio in campionato per il Napoli e niente mini-fuga sull'Inter e sulle concorrenti. Gara analizzata, al termine dei 90 minuti, da Maurizio Sarri, intervenuto alle televisioni.

"Rimpianti? Abbiamo trovato una squadra forte che si è difesa bene - le sue parole a 'Sky Sport' - Handanovic questa sera ha fatto il fenomeno. Abbiamo messo sotto un'ottima squadra per 90 minuti, non riuscendo a concretizzare una superiorità evidente".

Anche i nerazzurri hanno avuto buone occasioni per segnare: "Normale. Abbiamo fatto il 75% di possesso palla, siamo rimasti costantemente nella metà campo avversaria: può succedere di prendere delle ripartenze", ribatte Sarri.

A 'Premium Sport', il tecnico del Napoli analizza invece quel che non è andato in campo: "Un paio di scelte dentro l'area non mi sono piaciute: un paio di volte potevamo servire il compagno meglio piazzato invece di tirare".

Dunque, due punti persi o uno guadagnato? "Come predominio territoriale e palle goal, direi due punti persi. Però la prestazione è stata ottima. Poche squadre faranno punti al San Paolo se continueremo in questo modo".

E a Luciano Spalletti, che in conferenza stampa lo aveva definito "un ottimo Ministro dell'Economia", Sarri risponde così: "Che Ministro sarebbe lui? Della Difesa...". Detto con il sorriso sulle labbra.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità