Sarri saluta ufficiosamente Pjanic: "Sarà felice di andare al Barcellona"

Goal.com

Dopo la semplice e convincente vittoria contro il Lecce, la Juventus adesso nonn vuole fermarsi, anzi, punta a convincere i tifosi anche dal punto di vista del gioco e della prestazione.

Domani l'avversario di giornata sarà il Genoa, una sfida che sulla carta non si mostra proibitiva. Maurizio Sarri parla alla vigilia della sfida al Grifone in conferenza stampa.

"Non è solo la Juventus che ha difficoltà nell'andare a giocare a Genova contro il Genoa. La partita sarà complicata come tutte quelle che si affrontano contro squadre che lottano per la salvezza. I miei ragazzi sono consapevoli di questo, non dobbiamo aspettarci qualcosa di semplice".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Sulla questione formazione, Sarri non si sbottona e punta anche il dito contro una rosa al momento corta.

"Non ho ancora deciso se Buffon giocherà domani, ma il giorno del suo record arriverà sicuramente a breve. In questo momento numericamente non possiamo permetterci di alternare più di due, tre giocatori. Ci potrebbe essere qualche ricambio, ma solo un paio. Speriamo nei prossimi giorni di recuperare qualche giocatore. Gonzalo Higuain sta bene, abbiamo solo qualche incertezza sulla possibiiltà di dargli un minutaggio elevato. Dybala e Ronaldo? Possono giocare, non è ancora il momento di problemi per sovraccarico, sarà un problema da risolvere più avanti".

Sulla questione calciomercato, con Pjanic verso il Barcellona e Arthur verso la Juventus, Sarri ha la sua visione delle cose.

"Se il trasferimento di Pjanic verrà ufficializzato lui sarà contento di andare a giocare al Barcellona, ma per noi non cambierà nulla. Lui è serio, la possibilità che non ci dia il 101% in questi mesi per quanto mi riguarda non esiste. Arthur? Si sta parlando di due ragazzi che dovranno ancora giocare nelle rispettive squadre, è bene che si concentrino solo su questo. Non voglio stare qui a parlare di calciomercato, mancano ancora due mesi".

Sulla questione legata al centrocampo, l'allenatore della Juventus spiega le condizioni di Bentancur e Ramsey.

"Bentancur mi ha sorpreso, ha messo su anche convinzione e personalità in questi mesi. Ci può sorprendere ancora in futuro perché può ancora crescere. Sono contentissimo di lui. Ramsey sta crescendo anche, ma visti i pochi allenamenti che ha fatto con la squadra c'è una incognità sul minutaggio da dargli. Vedremo se partirà da titolare o se entrerà dalla panchina".

Potrebbe interessarti anche...