Sassuolo-Inter, le pagelle di CM: Darmian stupisce, Sanchez batte un colpo. Berardi non brilla, male Consigli

Luca Bedogni e Pasquale Guarro
·5 minuto per la lettura

Sassuolo-Inter 0-3, le pagelle di CM

Sassuolo

Consigli 4,5: in ritardo sul lancio di Sanchez per Lautaro in occasione del primo gol. Si fa saltare con un sombrero dall’argentino e il resto è una conseguenza. Sull’autogol di Chiriches invece riflessi lenti, troppo lenti. Giornataccia, raccoglie nel sacco pure un bel gol di Gagliardini nella ripresa. Toljan 5,5: abbastanza incomprensibile la leggerezza con cui lascia spiovere in area il pallone per Vidal, sul secondo gol dell’Inter. Detto ciò, molte buone sovrapposizioni, molta partecipazione offensiva. Al 38’ ha sul destro il pallone per accorciare le distanze, lo spreca calciando in bocca ad Handanovic. (dal 13’ s.t. Muldur 5,5: doveva dare qualcosa in più di Toljan a livello di spinta offensiva, fa veramente poco. E malino) Chiriches 5: subito un errore: lancia con palla coperta (Lautaro gliela sporca, l’Inter riparte veloce) e il Sassuolo prende gol al quarto minuto. Ma c’era fallo in area sulla spinta di Lautaro? Il raddoppio dell’Inter è ancora ‘colpa’ sua. Vidal fa un tiro sbilenco che gli finisce addosso e poi in rete. Un primo quarto d’ora da incubo. Non era al meglio e si sapeva: al 41’ esce infortunato. (dal 41’ p.t. Marlon 6: buona partita da parte del brasiliano. Attento, senza sbavature) Ferrari 5,5: bene fino al momento del terzo gol nerazzurro, quando lascia entrare in area e calciare tranquillamente Gagliardini. Rogerio 6: ancora più cercato di Toljan, spinge e tocca tanti palloni con qualità. Ma da quella parte ci sono Vidal, Darmian e Skriniar, dura attraversare il muro di Conte. Lopez 5,5: sorpreso dall’intensità dei nerazzurri in qualche circostanza. Oltre al possesso garantito servirebbe anche qualche tiro, qualche assist.. Passa a fare il trequarti all’uscita dal campo di Djuricic. (dal 30’ s.t. Schiappacasse 5: non sarà ancora in condizione, ma è sembrato un pesce fuor d’acqua. Anche l’atteggiamento non è stato dei migliori) Locatelli 5,5: stranamente impreciso a inizio gara, riprende a giocare come sa dopo il raddoppio nerazzurro. Ma sul gol di Gagliardini forse è un po’ pigro a rientrare. Berardi 5.5: Conte gli mette addosso Perisic, con Bastoni e Gagliardini pronti al raddoppio immediato. Lui ci prova ma stavolta non brilla. Djuricic 5,5: scalfisce il palo con un destro a giro dal limite intorno al ventesimo, e da lì sembra entrare in partita. Non è così. (dal 13’ s.t. Obiang 6: De Zerbi capisce che non è giornata e lo mette a fare filtro in mezzo al campo. La squadra ritrova ordine e qualche palla recuperata, non di più). Boga 6: il più ‘ispirato’ dei neroverdi comunque non combina granché. Anche perché o viene raddoppiato oppure il fallo è sistematico. Darmian è un osso duro per tutti, anche per lui. Raspadori 5,5: si muove tanto e meglio rispetto a Verona-Sassuolo. Tra i neroverdi però si sente l’assenza di Ciccio Caputo. ‘Raspa’ non riesce mai ad arrivare al tiro. Troppo poco. (dal 30’ s.t. Traorè 5,5: tocca pochissimi palloni, nessuno memorabile) De Zerbi 5: tradito da Chiriches a inizio gara, la partita comincia in salita e praticamente sotto di due gol. Si poteva risparmiare il romeno stavolta, schierando Marlon dal primo minuto. Nel primo quarto d’ora sembra il Sassuolo dello scorso anno, troppo fragile per essere vero: basta un break ben fatto ed è subito sotto. Nella ripresa chiude l’Inter in una metà campo, ma si becca ugualmente il terzo gol.

Inter

Handanovic 6: Di posizione su Rogerio e Toljan. Vive un pomeriggio tranquillo.

Skriniar 7: Clienti poco simpatici calpestano le sue stesse zolle, ma su Boga lavorano tutti bene di reparto. Il migliore della linea difensiva.

De Vrij 6: Raspadori lo impensierisce ben poco.

Bastoni 6,5: Mai un problema o un’esitazione contro Berardi, che vive un gran momento di forma.

Darmian 7: Al posto di Hakimi, sforza una prestazione tutta concretezza. Giocate semplici ma decisive, come l’assist a Gagliardini, scolastico ma con tempi e giri giusti.

(Dal 47’ Hakimi: s.v.)

Vidal 6,5: Agisce da mezzala, con sacrificio e intensità. Suo il tiro-cross che trova la decisiva deviazione di Chiriches prima di infilarsi in porta.

Barella 7: Da play davanti alla difesa, un inedito per lui. Interpreta il ruolo con grande sicurezza e la solita gamba.

(Dal 40’ s.t. Sensi: s.v.)

Gagliardini 7: Stop di sinistro e gol di esterno destro, coordinandosi in una frazione di secondo. Presenza imponente nel cuore del centrocampo. Finalmente.

Perisic 6,5: Ordinato, diligente. Aiuta molto la squadra in fase di non possesso.

(Dal 40’ s.t. Eriksen: s.v.)

Sanchez 7: Lancia Lautaro verso Consigli e poi va a prendersi l’assist dell’argentino per siglare il gol vittoria. Suo lo scarico verso Darmian per l’azione del 3-0 nerazzurro. Frizzante.

(Dal 34’ s.t. Young: s.v.)

Lautaro 7: Intercetta la giocata di Chiriches e scambia con Sanchez per mandare in porta il cileno. Al 10’ sfiora il gran gol con un pallonetto dai 30 metri, ma il pallone finisce di poco a lato.

(Dal 34’ s.t. Lukaku: s.v.)

Conte 7: Mette mano al centrocampo spostando qualche pedina e ritrova il giusto equilibrio contro una squadra velenosa come il Sassuolo. Tre punti meritati, con ampio dominio del gioco e del campo.