SBK 2020, si riparte dai test di Jerez

Lorenza D'Adderio
motorsport.com

Tutto è pronto a Jerez de la Frontera, dove la Superbike scenderà in pista il 22 ed il 23 gennaio per i primi test del 2020. Le derivate di serie tornano ad accendere i motori a poco più di un mese dall’inizio della nuova stagione e si inizieranno a vedere i valori in campo di squadre e piloti.

Kawasaki si presenta alla pista andalusa come la moto da battere, in occasione dell’ultimo test svolto proprio a Jerez. Jonathan Rea è stato il grande dominatore e vorrà continuare su questa strada, mentre Alex Lowes proseguirà il suo lavoro di adattamento alla ZX-10RR in vista della stagione imminente. Il britannico sembra essere già sulla buona strada, avendo chiuso i test di novembre con il terzo crono e con sensazioni positive.

Leggi anche:

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Sykes vede Redding competitivo: "Ha tutto ciò di cui ha bisogno"WSBK: la Ducati Panigale V4 2020 sarà svelata il 12 febbraio

Test importante anche per Scott Redding, che debutta nel 2020 in Superbike. I giorni di prove sono preziosi per il nuovo pilota Ducati, che sostituisce Alvaro Bautista in sella alla Panigale V4 R e si è già dimostrato della parte. L’ex pilota MotoGP continuerà a lavorare per adattarsi alla moto ed alla categoria, mentre Chaz Davies andrà avanti nello sviluppo. Il gallese sembra aver trovato la strada giusta per interpretare la quattro cilindri, dopo un inizio di 2019 in salita terminato però con ottimi risultati.

Macinerà chilometri anche Toprak Razgatlioglu, che sta conoscendo la nuova moto. Il turco è il nuovo acquisto di Yamaha e proverà la YZF-R1 per la prima volta nel 2020 dopo un ottimo esordio a novembre, dove ha già mostrato un grandissimo potenziale. Saranno test importanti anche per Michael van der Mark, confermato in Yamaha ma che cerca di stabilire una gerarchia all’interno della squadra avendo più esperienza in sella alla moto della Casa di Iwata.

Leggi anche:

BMW: ecco perché Eugene Laverty è prezioso per lo sviluppo

BMW continua il proprio lavoro di sviluppo: dopo un 2019 in cui è cresciuta in maniera esponenziale, Tom Sykes va avanti per rendere ancora più competitiva la S 1000 RR. Al suo fianco troveremo Eugene Laverty, che sarà al suo secondo test con la BMW e conta di acquisire maggiore esperienza dopo le prime sensazioni positive.

Per la prima volta scenderà in pista per un test ufficiale il team HRC. Honda ha lavorato sulla moto a porte chiuse, ma a Jerez vedremo in azione Alvaro Bautista con i nuovi colori. Lo spagnolo infatti guiderà CBR1000RR-R e si potranno avere dei riferimenti con gli avversari. Accanto a lui troviamo Leon Haslam, che riparte da Honda dopo una stagione in Kawasaki e continuerà ad adattarsi alla nuova moto.

Leggi anche:

Cortese sostituirà Camier sulla Ducati nei test di Jerez

Presenti anche tutti i team indipendenti, che avevano già provato le rispettive moto nei test di novembre a Jerez ed Aragon e torneranno in pista anche in questi due giorni di test prima dell’inizio della stagione. Mancherà invece Leon Camier, ancora convalescente dopo l’intervento alla spalla effettuato a dicembre. A sostituirlo ci sarà Sandro Cortese, rimasto a piedi per il 2020 ma in sella alla Ducati del team Barni per questi due giorni di prove.

Potrebbe interessarti anche...