SBK, Phillip Island, Libere 1-2: Redding si impone con la Ducati

Lorenza D'Adderio
motorsport.com

La stagione 2020 è cominciata, i piloti sono scesi in pista oggi a Phillip Island per disputare i turni di prove libere che aprono il weekend di gara. Come di consueto, in Australia il meteo riserva grandi sorprese e la prima sessione è stata disputata sul bagnato, per poi tornare a girare nel pomeriggio con pista asciutta. In entrambe le condizioni è Scott Redding a dettare legge, iniziando la sua avventura in Superbike al comando della classifica dei tempi.

Il pilota Ducati ferma il cronometro sull’1'30”436, tempo fatto segnare nella seconda sessione, dopo una mattinata in testa sotto l’acqua. Grande inizio per il britannico, che si porta davanti a tutti nonostante le condizioni complicate del primo turno ed una bandiera rossa che nel pomeriggio ha costretto i piloti a rientrare ai box a causa della presenza di papere sulla pista.

Alle spalle del grande dominatore di giornata troviamo Toprak Razgatlioglu, che sull’asciutto conferma le ottime prestazioni dei test. Il turco ha approfittato della sessione pomeridiana per continuare a macinare chilometri sulla sua Yamaha, mentre nel primo turno non è sceso in pista e non ha dunque un tempo cronometrato. Il portacolori del Team Pata Yamaha ha provato ad insidiare la vetta, ma alla fine della giornata paga ben quattro decimi da Redding. La Casa di Iwata vanta ben due moto nelle prime tre posizioni, grazie al terzo crono di Michael van der Mark. Anche l’olandese approfitta del secondo turno per scendere in pista, dopo essere rimasto ai box nella mattinata australiana.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Stupisce la Honda, che archivia il venerdì di libere con il quarto tempo, fatto segnare da Leon Haslam. ‘Pocket Rocket’, in testa durante parte del secondo turno, rimane poi a mezzo secondo esatto da Redding, ma mostra segnali di miglioramento. Haslam sembra essere partito con il piede giusto, chiudendo la prima sessione sotto l’acqua con il terzo tempo. Fatica invece Alvaro Bautista, che non va oltre l’ottavo crono nel secondo turno asciutto, con una posizione invariata rispetto alla mattina.

Ancora Yamaha in un venerdì dove troviamo tre YZF-R1 nelle prime cinque posizioni: Loris Baz vola nella prima sessione ed è secondo, pur pagando 1” da Redding. Il francese è quinto nella sessione pomeridiana, ma dimezza il distacco dal dominatore della giornata ed è il primo dei piloti indipendenti nella classifica dei tempi.

Bisogna arrivare fino alla sesta posizione per trovare Jonathan Rea. Il campione del mondo in carica inizia la stagione con cautela, sul bagnato completa solo 4 giri, mentre nel pomeriggio si fa vedere maggiormente. Il pilota Kawasaki però non va oltre il sesto crono e resta a 542 millesimi da Scott Redding. Si scorre la classifica fino all’11esimo tempo per trovare Alex Lowes, che accusa 9 decimi di ritardo dalla vetta.

Tom Sykes arriva al sabato di qualifica con il settimo tempo, dopo aver chiuso la prima sessione bagnata con il quinto crono. Fatica maggiormente Eugene Laverty, 12esimo sull’acqua e 14esimo sull’asciutto, ad 1.3 secondi da Redding. Chiudono la top 10 Michael Ruben Rinaldi e Xavi Fores, nono e decimo rispettivamente.

Rimane molto attardato Chaz Davies, che non va oltre il 13esimo crono finale nel secondo turno. Il gallese arranca e rimane alle spalle di Sandro Cortese, 11esimo con la Kawasaki del team Pedercini. Bisogna scorrere la classifica per trovare l’ultima delle Ducati: Leon Camier è solo 18esimo in sella alla Panigale V4 R del team Barni.

Classifica FP2

1

United Kingdom
United Kingdom

Scott Redding

30

1'30.436

 

 

176.942

2

Turkey
Turkey

Toprak Razgatlıoğlu

24

1'30.854

0.418

0.418

176.128

3

Netherlands
Netherlands

Michael van der Mark

26

1'30.905

0.469

0.051

176.029

4

United Kingdom
United Kingdom

Leon Haslam

24

1'30.936

0.500

0.031

175.969

5

France
France

Loris Baz

17

1'30.973

0.537

0.037

175.898

6

United Kingdom
United Kingdom

Jonathan Rea

22

1'30.978

0.542

0.005

175.888

7

United Kingdom
United Kingdom

Tom Sykes

23

1'31.161

0.725

0.183

175.535

8

Spain
Spain

Alvaro Bautista

23

1'31.201

0.765

0.040

175.458

9

Italy
Italy

Michael Ruben Rinaldi

14

1'31.213

0.777

0.012

175.435

10

Spain
Spain

Javier Fores

21

1'31.265

0.829

0.052

175.335

11

United Kingdom
United Kingdom

Alex Lowes

19

1'31.336

0.900

0.071

175.199

12

Germany
Germany

Sandro Cortese

18

1'31.397

0.961

0.061

175.082

13

United Kingdom
United Kingdom

Chaz Davies

24

1'31.478

1.042

0.081

174.927

14

Ireland
Ireland

Eugene Laverty

22

1'31.747

1.311

0.269

174.414

15

Garrett Gerloff

25

1'31.898

1.462

0.151

174.127

16

Italy
Italy

Federico Caricasulo

23

1'32.008

1.572

0.110

173.919

17

Chile
Chile

Maximilian Scheib

17

1'32.030

1.594

0.022

173.878

18

United Kingdom
United Kingdom

Leon Camier

13

1'32.649

2.213

0.619

172.716

19

Japan
Japan

Takumi Takahashi

19

1'34.995

4.559

2.346

168.450

Guarda i risultati completi

Classifica FP1

1

United Kingdom
United Kingdom

Scott Redding

9

1'41.195

 

 

158.130

2

France
France

Loris Baz

10

1'42.204

1.009

1.009

156.569

3

United Kingdom
United Kingdom

Leon Haslam

11

1'42.268

1.073

0.064

156.471

4

United Kingdom
United Kingdom

Alex Lowes

7

1'42.538

1.343

0.270

156.059

5

United Kingdom
United Kingdom

Tom Sykes

3

1'43.290

2.095

0.752

154.923

6

United Kingdom
United Kingdom

Jonathan Rea

4

1'43.323

2.128

0.033

154.873

7

Garrett Gerloff

12

1'43.740

2.545

0.417

154.251

8

Spain
Spain

Alvaro Bautista

19

1'43.807

2.612

0.067

154.151

9

Chile
Chile

Maximilian Scheib

13

1'44.235

3.040

0.428

153.518

10

Italy
Italy

Federico Caricasulo

18

1'44.938

3.743

0.703

152.490

11

Japan
Japan

Takumi Takahashi

14

1'45.009

3.814

0.071

152.386

12

Ireland
Ireland

Eugene Laverty

10

1'45.169

3.974

0.160

152.155

13

Spain
Spain

Javier Fores

19

1'45.291

4.096

0.122

151.978

Guarda i risultati completi

Potrebbe interessarti anche...