Scamacca scatena il mercato: la Juve ci prova per gennaio, Inter e Milan possono scatenare l'asta a giugno

·2 minuto per la lettura

Quello di Gianluca Scamacca è un nome che intriga in tanti sul mercato italiano: la recente esplosione in campo, dopo un avvio di stagione non da titolare fisso con Dionisi al Sassuolo, e la sua forte candidatura anche per un ruolo sempre più centrali in ottica Nazionale hanno fatto lievitare l'interesse delle big della Serie A per il centravanti romano e di conseguenza il suo valore economico. L'Inter ci fa più di un pensiero per l'estate che verrà, nella prospettiva di individuare un potenziale erede di Dzeko, il Milan lo tiene in considerazione come pista per il futuro, ma ad oggi è la Juventus il club che ne avrebbe maggiormente bisogno per colmare quel vuoto in organico lasciato in eredità dalla scorsa estate.

SERVE IL BOMBER - Dopo la partenza di Cristiano Ronaldo, il club bianconero ha "scaricato" tutto il peso delle responsabilità sull'asse Morata-Dybala e riportando a casa - a condizioni non propriamente economiche - Moise Kean. La resa non è stata all'altezza delle aspettative e, se è vero come è vero che la priorità per gennaio sarà di piazzare gli esuberi come Ramsey e provare a monetizzare le partenze di calciatori che non rientrano nel progetto come Arthur e Kulusevski, un tentativo per rinforzare la batteria degli attaccanti e venire incontro alle desiderata di Allegri sarà fatto. Vlahovic è un sogno ma impraticabile da subito, Icardi può diventare l'occasione, a certe condizioni (prestito e sconto sull'ingaggio) sul finire dell'imminente finestra di trasferimenti, ma Scamacca è un profilo che può mettere d'accordo tutti.

LE STRATEGIE - Perché è giovane, è italiano e ha ancora margini di crescita importanti, oltre ad un ingaggio (400.000 euro a stagione) decisamente in linea coi nuovi parametri juventini. Già nelle scorse settimane, su calciomercato.com abbiamo raccontato di un blitz torinese dell'ad del Sassuolo Giovanni Carnevali, nel corso del quale i dirigenti bianconeri hanno sondato il terreno per Scamacca. La valutazione di circa 25 milioni di euro dei mesi scorsi è lievitata e oggi, dopo aver piazzato Boga all'Atalanta, il club emiliano non ha urgenza di privarsi di un altro pezzo pregiato. Servirebbe dunque una proposta molto importante, nell'ordine dei 35-40 milioni di euro, cifra che la Juve può impegnare solo a fronte di una o più cessioni degne di nota. L'alternativa resta quella di mettere sul piatto un prestito oneroso con diritto/obbligo di riscatto, considerando il precedente di Locatelli, ma stavolta non c'è una chiara preferenza del giocatore per l'ipotesi a strisce bianconere. Anzi, il sogno del Sassuolo sarebbe di scatenare un'asta al rialzo per Scamacca a giugno, a cui partecipino anche Inter e Milan e magari qualche club straniero. Pensieri, riflessioni e valutazioni, il nome di Scamacca agita il mercato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli