CALCIOMERCATO:

Olimpiadi - Scozzoli: "Un tatuaggio per ricordare... La sconfitta"

Il campione azzurro torna a parlare dopo la deludente Olimpiade di Londra, da cui è tornato a mani vuote e con tanta delusione: "E' andata male ma è una motivazione in più per voler lasciare il segno". Il suo allenatore va a Verona, lui resta a Imola

Eurosport
Olimpiadi - Scozzoli: "Un tatuaggio per ricordare... La sconfitta"
.

Visualizza foto

2012 Fabio Scozzoli Swimming Gillette

A più di un mese dalla fine della sua insoddisfacente Olimpiade Fabio Scozzoli, tornato ad allenarsi dal 27 agosto, ha parlato in una conferenza stampa organizzata da Gillette per tirare le fila dell'estate del romagnolo  e per conoscere le sue prospettive per il futuro.

Nella chiacchierata fra Scozzoli e il pubblico degli internauti c'è stato posto anche per delle considerazioni sul caso natatorio dell'estate, il toto-allenatore di Federica Pellegrini. "Federica è un'atleta unica nel panorama italiano. Qui non è come negli USA che se un campione smette puoi dirgli grazie e arrivederci e trovarne subito un altro, se lei smettesse sarebbero problemi per il nuoto italiano perché al momento non c'è nessuno vincente come lei, per cuio è normale che abbia delle attenzioni particolari".

Ma la questione più importante per Scozzoli è un'altra, quella sconfitta olimpica che non si riesce a digerire, tanto da essersi fatto tatuare sotto la clavicola i cinque cerchi olimpici con un'orologio, all'interno del cerchio nero,  con le lancette indicanti l'ora della sua sconfitta a Londra 2012. "Serve per non dimenticare la delusione, che in molti casi può essere anche più utile di una vittoria. L'anno scorso dopo il doppio argento ai Campionati Mondiali di Shanghai  avevo avuto delle grandi difficoltà nel rimettermi  ad allenarmi, quest'anno invece sono tornato in vasca con molte pi&u grave; motivazioni ".

Il pensiero più vicino sono le tre tappe europee di coppa del mondo a cui Fabio prenderà parte, ma Scozzoli vuole pensare anche al suo futuro. "Adesso una delle cose importanti è monetizzare perché questo mi permetterà di fare degli investimenti e di costruirmi un futuro, ma al di fuori dell'aspetto economico,  lavorativamente parlando vorrei fare l'allenatore, non so ancora a che livello. Un reality? Perchè no, mi piacerebbe farlo, ma non subito, dopo Rio 2016."

Adesso, invece, bisogna solo tornare ad allenarsi perché ora che le Olimpiadi sono andate male la voglia di gareggiare è ancora più grande. "Un'Olimpiade andata male non è un ostacolo per gli obiettivi futuri, ma una motivazione in più per voler lasciare il segno. Dicono che nello sport l'importante sia partecipare. Non è vero, quel che conta è vincere e lasciare il segno."

Guarda l'intervista a Fabio Scozzoli:



Visualizza commenti (0)
  • Il Barcellona batte di misura il Malaga

    Il Barcellona batte di misura il Malaga

    È terminata 1-0 la sfida di Liga tra Barcellona e Malaga. I blaugrana che saranno avversari della Roma nella fase a gironi della Champions League, si sono imposti grazie ad un gol di Vermaelen al 73'. Non una partita eccelsa da parte dei campioni d'Europa. Altro »

    Sportitalia - 1 ora 6 minuti fa
  • Dybala e Iturbe: amici dal destino diverso

    Dybala e Iturbe: amici dal destino diverso

    Strana storia quella degli amici Dybala e Iturbe che domani potrebbero incrociarsi a Roma nella sfida tra bianconeri e giallorossi ma che vedono la loro stagione segnata da situazioni diverse. Altro »

    Sportitalia - 1 ora 36 minuti fa
  • Brunel: "Sconfitta inspiegabile"

    Brunel: "Sconfitta inspiegabile"

    Nel post-partita di Edinburgo il CT Brunel ed il capitano Leonardo Ghiraldini incontrano la stampa a Murrayfield nella conferenza post-gara. Altro »

    Sportitalia - 2 ore 6 minuti fa
  • Lo Zenit apre per Witsel

    Lo Zenit apre per Witsel

    Come riporta Alfredo Pedullá: "Axel Witsel non è blindato, malgrado la necessità dello Zenit di prendere un sostituto (da mesi piace Moutinho del Monaco). Tutto questo perché il centrocampista della Nazionale belga non ha concretizzato le trattative per prolungare il contratto in scadenza tra poco meno di due anni. ... Altro »

    Sportitalia - 2 ore 21 minuti fa
  • La Peugeot di Andreuccim conquista il titolo italiano

    La Peugeot di Andreuccim conquista il titolo italiano

    La nona sinfonia di Beethoven, forse la migliore del maestro tedesco, o perlomeno la più conosciuta. La nona sinfonia di Paolo Andreucci, forse la più bella del pilota toscano: una composizione basata sul rumore di un motore ruggente, di pneumatici su strada e del sibilio che il vento crea infrangendosi sul retrovisore. ... Altro »

    Sportitalia - 2 ore 36 minuti fa