Serie C: derby al Catanzaro, Pordenone e Cesena nuove capolista

Gety Images

L’attesa della domenica della Serie C era tutta per il derby calabrese tra Catanzaro e Crotone, scontro al vertice del girone C giocato in un Ceravolo che ha regalato una cornice da categoria superiore: la squadra di Vivarini ha certificato la propria superiorità, vincendo la decima partita su 12.

Il 2-0 firmato Iemmello e Curcio non vale però la fuga in classifica, perché il Pescara non molla: gli adriatici, che regolano 2-1 la Gelbison in un match palpitante con i tre gol negli ultimi cinque minuti, superano lo stesso Crotone e diventano la seconda forza del campionato, a -3 dai giallorossi. Staccatissimo il resto della concorrenza, con il Monopoli quarto addirittura a -10 dal terzo posto.

Nuova coppia di testa anche nel girone A, dove il Pordenone aggancia il Renate (0-0 con la Pergolettese) al comando a quota 23 punti grazie al 5-0 sul Lecco, al secondo ko consecutivo (doppietta di Dubickas). I ramarri staccano il Novara sconfitto dalla Juventus Next Gen, al terzo risultato utile di fila, e il Padova, bloccato in casa 2-2 dall’Arzignano. Quinta sconfitta per il Vicenza, piegato in casa di misura dalla Feralpisalò, terza forza del campionato a -1 dalla vetta.

In coda prima vittoria del Piacenza, nel sentito derby contro il Mantova: gli emiliani lasciano così l’ultimo posto alla Virtus Verona. Crisi senza fine per la Triestina, sconfitta dalla Pro Patria.

Sabato invece nel girone B si era assistito all’ennesimo cambio della guardia in vetta dove irrompe il Cesena: la squadra di Toscano non si ferma più e grazie al 3-0 sul Gubbio (ancor a segno il capocannoniere Corazza) affianca in vetta a 24 punti l’Entella, che ha fallito l’occasione per issarsi al comando da sola pareggiando 0-0 nello scontro al vertice con la Reggiana, ora seconda a -1 insieme allo stesso Gubbio.

Dopo aver fatto appena cinque punti nelle prime cinque gare il Cesena ha cambiato marcia con sei vittorie ed un pareggio. Classifica comunque cortissima, con le prime sette racchiuse in tre punti, grazie ai successi di Siena e Carrarese (22 punti) e Fiorenzuola (21), che riparte dopo tre sconfitte.