Serie A, le panchine che traballano

·1 minuto per la lettura
Luciano Spalletti
Luciano Spalletti

Le panchine in Serie A traballano e non poco. Nonostante le dichiarazioni di Paratici sul futuro di Pirlo alla Juventus, la situazione in casa bianconera non è delle migliori. La rivoluzione tecnica non ha offerto i risultati sperati e questo potrebbe dare il via a un valzer di allenatori nella massima serie.

Il mercato delle panchine

In prima linea per rientrare sulle panchine italiane ci sarebbero infatti Massimiliano Allegri, Maurizio Sarri e Luciano Spalletti. L’idea di cambiare la guida tecnica, eccezion fatta per Milan e Inter, riguarda nello specifico Juventus, Lazio, Napoli e Roma. Tutto potrebbe dipendere in parte anche dall’ipotesi di un addio di Pirlo alla Juventus al termine della stagione, ma ancora non c’è nulla di concreto in tal senso.

D’altro canto, inoltre, Gennaro Gattuso è sempre più lontano dalle dinamiche della dirigenza del Napoli e in rotta di collisione con il presidente De Laurentiis. Non vanno bene le cose anche per Paulo Fonseca a Roma e vacilla persino Simone Inzaghi che con la Lazio non sta decollando: i biancocelesti sono attualmente settimi in classifica e quindi fuori dall’Europa.

Spalletti e non solo

La Juventus terza in classifica a dieci punti di distanza dall’Inter capolista, sembra essere sempre più tagliata fuori dal discorso scudetto, ancora di più dopo la sconfitta dello scorso turno di Serie A contro il Benevento in casa.

La difficile situazione complica la posizione dell’allenatore Andrea Pirlo, finito più volte sul banco degli imputati nel corso di questa stagione per la sua poca esperienza come mister. Il nome di Gian Piero Gasperini torna in auge per la panchina della Juve.