CALCIOMERCATO:

Serie A - Del Piero, futuro da allenatore: “Chissà…”

L’ex capitano della Juventus non esclude la possibilità di allenare. “Non sono più disposto a giurare che non farò mai l’allenatore – spiega Del Piero al ‘Corriere della Sera’ -. Agnelli? Non desidero polemiche, sono contento di tutto quello che ho fatto. I migliori con cui ho giocato? Zidane e Baggio, due geni. In Nazionale mi ha sempre impressionato Maldini…”

Eurosport
Serie A - Del Piero, futuro da allenatore: “Chissà…”
.

Visualizza foto

"Quello che conta è il bilancio fin qui, e io sono felice della mia carriera alla Juve e del mio presente a Sydney". Alessandro Del Piero si racconta in un'intervista al "Corriere della Sera", si sofferma sulla sua sfera privata ma senza dimenticare il lato sportivo.

"Il miglior allenatore quello che mi ha fatto giocare sempre? Sarebbe un'ottima risposta... In realtà c'è Lippi, con cui ho avuto una storia di sette anni. E poi gli altri, per periodi più brevi. Ho cercato di prendere il meglio di ciascuno", le parole dell'ex capitano della Juventus, che ha avuto i compagni più illuminati in "Zidane e Baggio, due geni. In nazionale mi ha sempre impressionato Paolo Maldini. Un amico vero nel calcio è stato invece Angelo Di Livio. Abbiamo una storia comune, cominciata a Padova e proseguita alla Juve. Mi ha vissuto da vicino come pochi altri. Non è vero che non c'è amicizia nel calcio, anche se gli amici del cuore sono quelli del paese".

Su Andrea Agnelli preferisce sorvolare, "non desidero altre polemiche. La verità? Sono felice di tutto quello che ho fatto, zero rimpianti. Le decisioni vanno anche rispettate. E poi conta il presente, non il passato". E per il futuro apre alla possibilità di sedere un giorno in panchina come allenatore. "Ho sempre pensato che, una volta smesso, avrei preso le distanze dal calcio: sono quasi 40 anni che gioco... Però mi rendo conto che il legame con questo sport è viscerale. Non sono più disposto a giurare che non farò mai l'allenatore, magari qui a Sydney, dove tutto è così diverso".

Visualizza commenti (15)
  • Ferrero: "Felice che Soriano sia rimasto alla Samp"

    Ferrero: "Felice che Soriano sia rimasto alla Samp"

    Il presidente doriano dà un dieci al mercato Altro »

    Askanews - 32 minuti fa
  • Napoli: sette acquisti e 18 milioni di passivo

    Napoli: sette acquisti e 18 milioni di passivo

    Sette acquisti e 18 milioni di passivo considerando le faticose sistemazioni di Gargano, Inler e Vargas. Soprattutto a marchiare l’estate delle trattative del Napoli ci si è messo il pasticcio che alla fine ha tenuto in blucerchiato Roberto Soriano e in azzurro, da separato in casa, Juan Camilo Zuniga. Ancora una volta si è trattato di un mercato indecifrabile, inadatto a colmare quella lacuna che da anni appesantisce il cammino della squadra: la difesa era il reparto da rivedere, in parte se non addirittura del tutto. ... Altro »

    Sportitalia - 37 minuti fa
  • Formula 1 - Force India: Hulkenberg rinnova sino al 2017

    Formula 1 - Force India: Hulkenberg rinnova sino al 2017

    Il pilota tedesco, recente vincitore della 24 ore di Le Mans, resterà alla guida della monoposto del consorzio anglo-indiano Altro »

    Eurosport - 41 minuti fa
  • Eder dal primo minuto?

    Eder dal primo minuto?

    Due vittorie, contro Malta e Bulgaria, per blindare una qualificazione che resta ampiamente alla portata. Fallire, a Firenze prima e a Palermo poi, non è concesso. Anche perché con la gara contro la selezione maltese, al Franchi, si inaugura l’anno della verità per la Nazionale di Antonio Conte. L’anno che condurrà all’Europeo di Francia 2016. Con un diktat ben preciso che il commissario tecnico ha voluto lanciare per battezzare il secondo segmento del suo biennio. In azzurro solo chi gioca con continuità. ... Altro »

    Sportitalia - 52 minuti fa
  • Roma: tra le regine

    Roma: tra le regine

    Una delle regine del mercato italiano ed esaltata dalla vittoria sulla Juventus. La Roma si gode il momento, con la consapevolezza di aver operato nel migliore dei modi nella sessione estiva sia in entrata che in uscita. I nuovi si sono inseriti benissimo, da Szcehzny a Salah, da Digne a Iago Falque, fino ad arrivare a Dzeko. Serviva un grande centravanti, che potesse consentire di stravolgere in positivo il potenziale offensivo della squadra ed entusiasmare i tifosi ed il bomber è proprio lui, il bosniaco decisivo nella sfida con i bianconeri. ... Altro »

    Sportitalia - 1 ora 7 minuti fa