Shaw e la torta salata: "Senza lavoro, mi sono rovinato la vita"

Indagato dalla FA per scommesse, Shaw rimpiange il momento in cui ha mangiato quella torta salata: "Ho perso tutto, non ho preso un centesimo".

Wayne Shaw è diventato l'idolo del web quando, durante Sutton-Arsenal di FA Cup, ha iniziato a mangiare una torta salata seduto tranquillamente in panchina.

Il 47enne portiere è stato però messo sotto inchiesta da parte della FA con l'accusa di aver partecipato attivamente al flusso di scommesse che pagavano 8-1 qualora Shaw avesse mangiato la torta durante il match.

"Col senno di poi non lo avrei mai fatto - ha dichiarato Shaw in un lunga intervista a 'Sportsmail' - ma non sapevo nulla di queste scommesse. Non ho ricevuto un centesimo e non ho detto a nessuno di puntare soldi".

Shaw è stato immediatamente licenziato dal Sutton e si trova senza un lavoro: "Ho una famiglia di mantenere, un mutuo da pagare e ho perso tutto da un momento all'altro. E' difficle da accettare, ho solo mangiato una torta a bordo campo, non ho ucciso nessuno".

Tutta questa improvvisa popolarità si è rivelata controproducente: "Solo a parlare di quell'episodio mi sento male fisicamente. Mi sono rovinato la vita, non sono una persona cattiva e soprattutto non ho nulla da nascondere".

Negli ultimi due mesi Shaw ha perso parecchi chili e il suo obiettivo è tornare a lavoare nel calcio, magari nelle vesti di allenatore. E senza più torte salate.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità