Shevchenko: 'Convinto dal progetto del Genoa, è il primo club in Italia ma va rinforzato. Ancelotti, Galliani e Milan...'

·6 minuto per la lettura

Il Grifone abbraccia il suo nuovo allenatore. Domenica l'ufficialità, ieri il primo allenamento, oggi la presentazione alla stampa.Andriy Shevchenko si è presentato in conferenza stampa al Ferraris come nuovo tecnico del Genoa. "E' un momento molto importante nella mia carriera di allenatore. Voglio ringraziare Josh e il progetto del Genoa per avermi fatto tornare in Italia, Paese con cui ho un legame speciale. Spero di continuare una carriera qua da allenatore. Il Genoa è un club importante. Questo è un progetto a cui tengo tanto e l'obiettivo numero uno per noi è giocare in Serie A il prossimo anno e l'unica via che conosco è lavorare. Io farò di tutto dando il massimo di me stesso per raggiungere questo risultato".

Josh Wander di 777Partners, nuova proprietà del Genoa, ha commentato: "E' un grande momento per noi 777Partners e il Genoa. E' un grande piacere e onore introdurre il nuovo allenatore che notissimo ai tifosi di tutto il mondo ma in particolare a quelli italiani".

Cosa l'ha convinta del progetto? "Mi ha convinto tanto il progetto. Io credo che il Genoa in futuro può fare grande cose in Italia. Sicuramente abbiamo bisogno dei tifosi. Io ho giocato una volta a Genova ed è stata una partita difficilissima. Ricordo benissimo che giocavo contro 12 giocatori perchè il dodicesimo uomo del Genoa erano i tifosi. Io spero di avere loro perchè abbiamo bisogno tanto di un supporto".

Chi l'ha contattata prima fra la vecchia e la nuova proprietà? "I contatti li ho avuti con la nuova proprietà. E' stata una lunga chiacchierata. La squadra ha bisogno di essere rinforzata e come obiettivi di giocare l'anno prossimo in A penso che noi dovremo lavorare bene sul mercato".

Qual è il problema più grande da affrontare in questo momento? "I ragazzi sono bravissimi e disponibili. Penso che il primo obiettivo è raggiungere una posizione in classifica dove possiamo respirare bene e lavorare bene. Così riesci ad esprimere meglio le tue idee con tranquillità. Dobbiamo sforzarci a raggiungere un posto in classifica dove possiamo fare questo".

Quale altro allenatore in Italia ha influenzato la sua formazione di tecnico? "L'Italia è un Paese importante dal punto di vista calcistico. La scuola italiana è importante. Per me lavorare con allenatori come Ancelotti, Zaccheroni e Cesare Maldini è stata una grande esperienza. Venire ad allenare in Italia vuol dire entrare nel mondo del calcio italiano per poter sfidare i grandi tecnici che lavorano adesso in Italia. E' una sfida stimolante per me".

Parallelamente alla salvezza, può esserci anche l'obiettivo della Coppa Italia? "E più importante salvarci. Dobbiamo fare tanti sforzi di lavorare tanto, cercare di trovare tante soluzioni per raggiungere questo obiettivo. Io e la mia squadra stiamo lavorando per questo".

Ti spaventa allenare un club? "Io mi sono preparato per questo. Aspettavo un'opportunità di lavorare in un club. Sicuramente in questo momento c'è tanto da fare ma questo non mi spaventa. Mi dà una carica a lavorare di più e cercare nuove soluzioni solo per il bene del Genoa".

Ha sentito Berlusconi? "Ho sentito Galliani. Non ho ancora sentito il Presidente. Lo sentirò in questi giorni".

Sarà un Genoa improntato sulla ricerca del gol o più difensivo? "Il Genoa storicamente è stata molto aggressiva, specialmente in casa. Cercherò di bilanciare la squadra al valore. Dobbiamo avere un perfetto equilibrio e capire le nostre esigenze, di quello che la squadra ha bisogno. Adesso avremo un periodo di allenamenti poi entreremo in una fase di partite molto difficili e importanti. Dobbiamo essere pronti".

Come si fa a convincere la paura? "Bisogna avere la mentalità giusta. Parlando con i giocatori ho sentito una voglia di migliorare le cose. Penso che, avendo grande voglia e una giusta struttura in campo, possiamo migliorare le cose".

Nel giorno in cui sei venuto con la nazionale ucraina, con le tue lacrime sotto il ponte Morandi, avresti mai pensato che avresti allenato il Genoa? "Ho pensato tanto prima di prendere questa decisione. Anche questo mi ha spinto tanto a venire qua. Il Genoa ha un grande cuore".

Un Pallone d'Oro che allena il Genoa. "Il Pallone d'Oro è il passato. Vorrei fare qualcosa da allenatore. Cercherò e farò di tutto per far sì che questo rapporto sia lungo".

La squadra? "Stiamo selezionando la squadra. Stiamo vedendo bene. Abbiamo programmato tutto. Ci sono una serie di cose che meritano e attraverso gli allenamenti avremo un quadro più completo".

La prima gara sarà con la Roma di Mourinho. "Ho grande rispetto per Josè Mourinho. Il suo arrivo ha dato tantissimo per il calcio italiano. So che dobbiamo giocare una partita con la Roma, ho grandissimo rispetto per lui".

Che tipo di allenatore dobbiamo aspettarci? "Penso che l'Ucraina sia stata una squadra equilibrata che sapeva soffrire e giocava anche un buon calcio".

Su cosa farà più leva per rialzare il Genoa? "L'aspetto mentale. Dobbiamo credere di più e in questo aspetto il pubblico".

Chi vincerà il Pallone d'Oro per lei quest'anno? "Penso Jorginho o Messi".

Pensi di adattare i giocatori al modulo o giocare con un certo schema? "Penso che questa squadra ha determinate caratteristiche. Ora studieremo bene e con quale modulo la squadra potrà giocare meglio. Una di queste cose può essere il 3-5-2 o il 4-3-3".

Quanto vale il Genoa per te? "E' il primo club in Italia e questo conta tanto".

Nel Milan del 2002-2003 siete poi diventati allenatori. Merito di Ancelotti? Ha sentito qualche ex compagno "Mi sento spesso con i miei ex compagni. Il merito di Carlo è tanto. Ma chi era in squadra erano grandi persone. La cosa più importante è avere un aspetto psicologico per avere il miglior contatto con il giocatore. Il nostro successo con il Milan indica che i ragazzi sono eccezionali e con grandi valori".

La rosa del Genoa è molto ampia. Serve un lavoro psicologico su chi gioca meno? "Ci sono tanti infortunati, speriamo di recuperarli il più presto possibile per aiutare la squadra".

A percentuale quanto conta negli allenamenti il lavoro sulla palla e la parte atletica. "Serve un mix giusto".

Mancini le ha fatto l'in bocca al lupo. Contraccambia? "Sicuramente sì. In bocca al lupo per una partita importante. L'Italia è una grandissima squadra, Mancini è un grande allenatore. Sono sicuro che troveranno la strada giusta".

Il rapporto con Tassotti? "Il mio legame con Mauro è da tanto tempo. Fa parte di un rapporto di lavoro con grande stima e amicizia profonda".

Vuoi mandare un messaggio ai tifosi? "Abbiamo bisogno di voi. Aspettiamo le nostre partite".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli