Si è spento Mosley, ex capo della Federazione Internazionale dell'Automobilismo

·2 minuto per la lettura
max mosley
max mosley

È morto all’età di 81 anni Max Mosley, dirigente sportivo ed ex presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile dal 1993 al 2009. A comunicare la notizia sono stati i giornali britannici, che nei loro necrologi hanno ricordato come Mosley sia considerato assieme a Bernie Ecclestone l’uomo che trasformò le corse automobilistiche in uno sport patinato e miliardario, facendo assumere alla Formula Uno l’importanza mediatica ed economica che ha oggi.

Morto a 81 anni l’ex presidente Fia Max Mosley

Nato a Londra nel 1940, Mosley era il figlio del politico britannico Oswald Mosley, noto per essere stato negli anni ’30 il fondatore dell’Unione Britannica dei Fascisti nonché esplicito estimatore del fascismo mussoliniano e del nazismo tedesco. Nel corso della sua vita fu lo stesso Max Mosley a ironizzare su una personalità così ingombrante come quella del padre, affermando: Sono nato in una famiglia piuttosto strana, a un certo punto me ne sono allontanato, ma il peso del mio cognome non mi ha mai abbandonato”.

Laureatosi in fisica nel 1961, negli anni ’60 Mosley fa il suo ingresso nel mondo automobilistico entrando a far parte della scuderia di Frank Williams, con il quale ottiene però modesti risultati come pilota di Formula 2. Il ritiro ufficiale dalle corse avviene nel 1969, per poi fondare nel 1974 assieme a Bernie Ecclestone, Frank Williams e Ken Tyrrell la Formula One Constructors Association (Foca). Nel 1993, Mosley venne eletto presidente della Fia, venendo poi confermato nelle successive elezioni del 1997, del 2001 e del 2005.

Max Mosley, lo scandalo sessuale del 2008

L’immagine pubblica di Mosley venen però praticamente distrutta nel 2008, quando il quotidiano britannico News of the World pubblicò alcuni fotogrammi di un video in cui il dirigente sportivo appariva in un’orgia sadomaso assieme ad alcune prostitute vestite con uniformi naziste. Lo scandalo che ne derivò costrinse Mosley a non ricandidarsi alle successive elezioni per la presidenza della Fia nel 2009, anche nel frattempo un tribunale britannico aveva condannato News of the World a risarcire le persone coinvolte nel video con 60mila sterline. A succedere a Mosley alla guida della Fia fu l’ex direttore generale della Scuderia Ferrari Jean Todt, fortemente sostenuto da Mosley.

Morto Max Mosley, il commento di Bernie Ecclestone

Tra i primi a commentare la scomparsa di Mosley l’amico e socio Bernie Ecclestone, che ha dichiarato: “Max per me era come uno di famiglia. Eravamo come due fratelli, per un certo senso sono sollevato perché ha sofferto troppo“. Ecclestone ha poi rivelato che il decesso di Mosley è avvenuto la scorsa notte.