Skrtel e l'addio all'Atalanta: "Non ero ciò che stavano cercando"

Martin Skrtel è tornato sul fulmineo addio all’Atalanta: “Non ero abituato a quel sistema di gioco, andare via era meglio per tutti”.
Martin Skrtel è tornato sul fulmineo addio all’Atalanta: “Non ero abituato a quel sistema di gioco, andare via era meglio per tutti”.

Quella di Martin Skrtel all’Atalanta è stata una parentesi quanto mai fugace. Rimasto svincolato dopo il mancato rinnovo con il Fenerbahçe, si è unito alla Dea nei primi giorni dello scorso agosto, salvo poi lasciare Bergamo meno di un mese dopo.

Il centrale slovacco avrebbe dovuto garantire alla compagine bergamasca esperienza e continuità di rendimento, ma non essendo riuscito ad adattarsi alle idee tattiche di Gasperini, ha deciso di lasciare subito l’Italia per poi tornare di nuovo in Turchia dove oggi veste la maglia del Basaksehir.

Skrtel, parlando all’agenzia turca AA, ha svelato cosa non ha funzionato a Bergamo.

“L’Atalanta giocava con un sistema che era completamente diverso dal tipo di gioco che ero abituato. Dopo il primo mese trascorso lì ho capito che non era il sottoscritto il difensore che stavano cercando, andare via era l’opzione migliore per tutti. In seguito ho ricevuto l’offerta del Basaksehir e sono felice di averla accettata”.

Skrtel, 35 anni, nel corso della sua carriera ha vestito per ben nove stagioni la maglia del Liverpool. Nel corso della sua brevissima avventura all’Atalanta non ha totalizzato un solo minuto in gare ufficiali.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...