Sorpresa Mandragora: zero presenze da aprile 2016 ma convocazione in Nazionale

Tante sorprese nei convocati di Giampiero Ventura per il nuovo stage della Nazionale azzurra. Tra Chiesa, Adjapong, Emerson, l'ex allenatore del Torino ha chiamato anche Rolando Mandragora, centrocampista della Juventus ripresosi dall'infortunio al metatarso da qualche settimana.

In attesa di capire se Mandragora riuscirà a trovare posto nella Juventus di fine stagione, sopratutto se lo Scudetto dovesse arrivare con uno o due turni di anticipo, Ventura non ha avuto dubbi: convocato anche il classe 1997, che dal ritorno dall'infortunio è sceso in campo solo con la Primavera, in due occasioni.

Di fatto l'ultima presenza tra i professionisti è datata 30 aprile 2016, quando Mandragora militava nel Pescara di Oddo, in Serie B: undici minuti contro la Virtus Entella ed infortunio. Gli abruzzesi dovettero fare a meno del centrocampista per le tre gare finali e le quattro dei playoff, andate comunque a buon fine.

Ventura ha dunque a sorpresa convocato Mandragora nonostante le zero apparizioni con la maglia della Juventus, intesa come prima squadra: c'è grande considerazione nei confronti del giovane campano, che in passato aveva esordito in Serie A difendendo i colori del Genoa.

Pogba Mandragora Vidal Genoa Juventus Serie A

Esordio precoce per Mandragora, ad appena 17 anni: cinque le presenze totali in Serie A prima del trasferimento al Pescara e del successivo accordo con la Juventus. Mediano, difensore, jolly della corsia centrale, potrebbe rimanere in maglia Madama anche nella prossima annata, ma più probabilmente all'orizzonte c'è un prestito nella massima serie.

Curiosamente l'esordio in Serie A dell'ottobre 2014 era arrivato proprio contro la Juventus: era la Madama di Conte, con Pogba, Vidal, Tevez e Llorente. Tre anni dopo la prima chiamata in Nazionale maggiore, seppur per uno stage, dopo le dieci apparizioni con l'Italia Under 21.

Un attestato di stima importantissimo per il ventenne, che proverà ad essere un giovane d'elite e non una meteora: le premesse ci sono tutte, ora parola al campo.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità