Sorpresa Portsmouth: può essere acquistato dall'ex presidente di Walt Disney

Eisner, presidente di Walt Disney per vent'anni, è in trattativa con il Portsmouth: obiettivo, tornare in Premier e puntare al top.

Club senza possibilità di giocare su grandi palcoscenici internazionali che improvvisamente entrano nell'elite europea: negli ultimi anni, dall'avvento di sceicchi e imprenditori milionari di ogni parte del mondo, è arrivato il boom delle favole, costruite a colpi di assegni, acquisti e investimenti.

La prossima potrebbe arrivare nella patria dei club con più investitori stranieri, ovvero l'Inghilterra. Parliamo del Portsmouth, in contatto con l'ex amministratore delegato della Disney per la vendita del club: opportunità incredibile per la società che gioca le sue gare a Fratton Park.

Sono anni che il Portsmouth non è nel grande calcio: attualmente nella quarta divisione inglese, vinse la FA Cup nel 2007/2008, qualificandosi così in Europa League, dove ebbe l'occasione i confrontarsi con il Milan di Ronaldinho, venendo proprio eliminati nella fase a gironi dai rossoneri e dal Wolfsburg.

Ora il Portsmouth ha confermato la volontà di Micheal Eisner, presidente e CEO di The Walt Disney Company dal 1984 al 2005, di acquistare il Portsmouth per tornare in pochi anni in Premier League e puntare al top una volta arrivati nella massima serie inglese.

"Il consiglio e il signor Eisner cercheranno di concludere con la soddisfazione di entrambe le parti, allora potremmo evidenziare i termini dell'accordo" ha evidenziato il Portsmouth ufficializzando la trattativa per il passaggio di proprietà. "Agli azionisi verrà chiesto di votare per accettare o rifiutare l'offerta".

In attesa di conoscere il proprio futuro, il Portsmouth si trova terzo nella League Two, con ottime possibilità di ottenere una promozione essenziale per il progetto di Eisner. I tifosi, considerato il patrimonio e le possibilità economiche dell'imprenditore stanunitense, aspettano notizie positive. Non resta che aspettare.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità