Sorteggi di Champions League, le reazioni delle italiane

Getty Images

Non è andata troppo male alle italiane rimaste in corsa per gli ottavi di Champions League. Dopo i sorteggi degli ottavi sono così arrivate le prime reazioni a caldo di Inter e Milan.

I nerazzurri affronteranno il Porto e a parlarne è stato l'ex capitano Javier Zanetti.

"È sempre una partita difficile, massimo rispetto per tutti gli avversari. Conosco bene il Porto, allenato dal mio ex compagno Sergio Conceicao. Conterà molto lo stato di forma con cui le squadre arriveranno a febbraio. La prepareremo al meglio lavorando, nella fase a gironi abbiamo ricevuto tante risposte. Ora due partite, poi ci fermeremo e dovremo riprendere al meglio. Dobbiamo trovare continuità ed equilibrio in campionato. Dispiace per la sconfitta di ieri, dopo il primo tempo dovevamo essere all'intervallo con un altro risultato. La Juventus ci ha fatto gol alla prima occasione. Dobbiamo lavorare sui dettagli e migliorare. È un sorteggio che si guarda con tantissima fiducia. Non era semplice passare quel girone, lo abbiamo fatto con consapevolezza e maturità. Dobbiamo lavorare tanto per cercare di arrivare lì nel migliore dei modi per passare il turno".

In casa Milan, ha invece parlato Franco Baresi. I rossoneri sfideranno il Tottenham di Conte: "C'erano squadre più blasonato ma c'è Conte che conosce bene il nostro calcio. Ma il Milan è in condizione di poter fare due grandi gare, siamo maturi. Credo che gli altri erano attenti a noi. Ma noi dobbiamo pensare a noi stessi e pensare a migliorarci: è nel dna del Milan. La squadra è matura".

In casa Napoli, con la sfida all'Eintracht di Francoforte è stato Luciano Spalletti a commentare: "A questi livelli sono tutti abbinamenti tosti, difficili, anche se evitare il PSG ci può far piacere. Comunque l'Eintracht di Francoforte è la detentrice dell'Europa League, il secondo trofeo continentale, ed è una squadra in forte ascesa. Non sarà certo facile".