Spadafora rivela: "Rinvii? Ha deciso la Lega, noi abbiamo dato due opzioni"

Goal.com
Il Ministro dello Sport ha parlato al 'Corriere della Sera': "Il governo ha dato due possibilità: rinviare o giocare a porte chiuse".
Il Ministro dello Sport ha parlato al 'Corriere della Sera': "Il governo ha dato due possibilità: rinviare o giocare a porte chiuse".

Dopo il caos in cui naviga la Serie A, a causa del rinvio di cinque partite dell'ultima giornata di campionato, ha voluto parlare in prima persona anche Vicenzo Spadafora, Ministro dello Sport. Anche per mettere in chiaro le cose, secondo la sua visione.

Ai microfoni del 'Corriere della Sera', Spadafora ha chiarito la decisione sui rinvii.

"Il governo ha dato due possibilità: rinviare o giocare a porte chiuse. La Lega ha deciso di rinviare, anche per evitare lo spettacolo degli stadi vuoti. Una decisione autonoma. Certo stabilisce un precedente, e capisco chi dice che debba valere, fortunatamente per tre regioni e non più sei, anche per il prossimo turno".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Molti sostengono che il campionato in questo modo sia falsato, soprattutto per il rinvio di Juventus-Inter.

"In un momento con più di mille contagiati e quasi trenta morti non è il mio primo pensiero. Capisco le rimostranze dei tifosi, ma non può essere questa l’ottica da cui giudicare decisioni difficili. Ora spetta alla Lega fare di tutto, anche smontare e rimontare le giornate se occorre, per equilibrare il calendario nelle prossime settimane. Pretendo che non resti nemmeno l’ombra del sospetto sulla regolarità del campionato".

Secondo altri, sarebbe stata la Juventus a fare pressione per rinviare la gara in modo da poterla giocare a porte aperte, ma il Ministro dello Sport nega tutto.

"I miei unici interlocutori sono stati i vertici di Coni, Figc e leghe calcio, rappresentanti di arbitri e giocatori".

Potrebbe interessarti anche...