Spalletti: 'Felicissimo di allenare il Napoli ma non garantisco nulla. Vincere o fallire, per voi è sempre così e sul turn-over...'

L'allenatore del Napoli Luciano Spalletti ha presentato in conferenza stampa la partita di domani contro la Lazio: "La qualità del gioco di Sarri è riconoscibile, ogni tanto si passa dal 4-3-3 ma i sistemi si deformano perché non si rimane sempre 4-3-3 e si va a prendere quegli spazi che la squadra avversaria lascia, per questo i calciatori devono adattarsi a scenari differenti. Loro fanno pressione costante e continua, hanno spazi alle spalle, può esaltare la nostra qualità ma se lo fanno bene ti montano addosso e diventa difficile negli spazi stretti. Dipenderà da noi nel trovare bene i vuoti e gli spazi che non sono sulla trequarti, ma dove gli altri li lasciano".

Il tecnico azzurro ha poi lanciato un messaggio sibillino sul suo futuro: "Sono felicissimo di essere l'allenatore del Napoli, le mie ambizioni sono di un livello che non so se altri possono arrivarci, ma che non garantisco niente. Io faccio ciò che mi è richiesto, se non sono gradito a tutti (ride, ndr), la mia risposta è questa. Se avverto un clima negativo? Io non avverto niente, ma pure se lo avverto non modifico niente del mio comportamento e del mio lavoro. Vivo per creare allenamenti fatti bene e sviluppare un grande gioco, piacevole per sportivi di palato fine come quelli del Napoli. Ma qua si mette sempre con vincere o morire ed a me garba poco, se non vinci hai fallito... Ed io non so se vinco, la direzione è quella lì. Quelli andati via li avete visti o vi serve lo schema? Bisogna riorganizzare la squadra, si cambiano i pronostici in base a ciò che è successo il giorno prima. Le personalità erano quelle lì, è un percorso di crescita, lo si può fare più velocemente o lentamente ma c'è da farlo e serve un po' di tempo per diventare un gruppo come l'anno scorso, io l'avevo messo in conto nel nuovo ciclo di giocatore".

Le critiche ricevute sul turn-over contro il Lecce: "Gli allenamenti vanno visti per capire chi ha smaltito o meno la fatica. Ieri mezza squadra non s'è allenata, deve fare defaticante, dire oggi chi scenderà in campo diventa difficile. State tranquilli che le scelte le sbaglio, ma sono attenti... Ogni volta che non si vincerà diventerà così, ma è impossibile giocare con gli stessi e nell'arco di 3-4 partite giocheranno in tanti".