Sport: ricerca scozzese rivela, studiare produce atleti migliori

webinfo@adnkronos.com
Adnkronos

Uno studio ha rilevato che gli atleti che studiano per una seconda carriera hanno maggiori probabilità di avere una carriera sportiva di maggior successo. David Lavallee, professore alla Abertay University in Scozia, ha monitorato 632 giocatori nella National Rugby League australiana per tre anni, scoprendo che i giocatori che si stanno attivamente preparando per una transizione di carriera hanno maggiori probabilità di essere selezionati per le partite e hanno avuto una carriera più riuscita e più lunga come atleti. 

“Questo è il primo studio al mondo che ha effettivamente dimostrato questo legame. Dal nostro punto di vista lo vediamo come un anello mancante", ha detto Lavallee in un comunicato stampa distribuito dal sindacato internazionale dei giocatori di calcio FIFPro nell'ambito della sua campagna "Mind the Gap", che mira ad aiutare i giocatori ad essere pronti per la vita dopo lo sport. “Quelle persone che erano più impegnate nella loro carriera e istruzione, e che pianificavano il dopo, sono rimasti attivi più a lungo. Ci sono stati benefici per l'individuo, benefici per il club e benefici per il gioco in generale". 

FIFPro fa parte del progetto cofinanziato - chiamato "Mind the Gap" - con l'iniziativa di finanziamento dell'UE Erasmus+ per aiutare i calciatori e altri atleti a prepararsi per il passaggio di carriera. Secondo FIFPro, solo il 13% dei calciatori attivi in ​​Europa ha un'istruzione professionale post-scolastica, rispetto a circa il 53% degli uomini nell'Unione europea. Nel 2017, il difensore della Juventus e dell'Italia, Giorgio Chiellini, ha conseguito la laurea specialistica in Business administration, presso la Scuola di Management ed Economia dell'Università degli studi di Torino. 

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Lo stesso Chiellini ha parlato dei benefici che gli ha portato lo studio, sottolineando come un master in economia aziendale ha migliorato il suo gioco. "Mi ha dato un grande aiuto", ha detto, "Nel calcio se non sei attivo mentalmente, se non sei lucido e veloce per pensare a situazioni e letture differenti, non raggiungerai un livello elevato". 

Per Lavallee, un approccio più olistico da parte delle organizzazioni sportive professionali, allenatori e dirigenti in primis, verso le carriere post-sportive degli atleti andrebbe a beneficio sia dell'atleta che del club, ed è questo il punto dove si devono compiere i passi più grandi. "Questo è il futuro per i prossimi 10 anni, penso. È qui che si vedranno i guadagni di prestazione nello sport...e non penso che sarà insignificante. Penso che sarà molto più significativo dei guadagni marginali. Penso che ci sia una grande opportunità nel calcio, probabilmente più che in qualsiasi altro sport", ha detto. 

Per i critici che sostengono che lo sport professionistico riguarda la vittoria e non la pianificazione della vita, Lavelle risponde: “Giocatori, allenatori, alti dirigenti, manager penso che dovrebbero riconoscere se attribuiscono maggiore valore al valore olistico dello sviluppo dei giocatori rispetto al semplice vincere, in realtà c'è una migliore opportunità per portare alla vittoria. E questo è un modo diverso di pensare rispetto alla sola prospettiva di vincere a tutti i costi". 

Potrebbe interessarti anche...