Stadio, centro sportivo e progetto 'cantera': il Villarreal guarda al futuro

Stadi di proprietà, centri sportivi all’avanguardia e investimenti regolari e corposi nel settore giovanile: nel calcio di oggi sembra essere proprio questa la ricetta perfetta per rendere un club florido, solido e, magari, vincente. Tanti club stanno provando a muoversi in questa direzione e quelli che son riusciti a farlo in anticipo si stanno già godendo i primi non indifferenti benefici. Economici e non solo.

Uno dei club che sta portando avanti con cura e dedizione questo progetto “tridimensionale” è senza dubbio il Villarreal. Un progetto solido quello della società spagnola che, nonostante la retrocessione in Segunda Division del 2012, proprio grazie alla programmazione e alla pianificazione è riuscita a ripartire nella maniera migliore fino a diventare una delle ‘big’ del calcio spagnolo, seppur ancora su livelli molto lontani rispetto a quelli di Barcellona e Real Madrid, attualmente inarrivabili. La strada, però, è quella giusta.

LA "CIUDAD DEPORTIVA" DEL VILLARREAL

Fino a qualche anno fa era il “Miralcamp”, adesso è la ‘Ciudad Deportiva’: il Villarreal ha sempre messo al centro dei propri programmi la presenza di un centro sportivo attrezzato per poter ospitare gli allenamenti della prima squadra e del settore giovanile. Nata poco più di un anno fa, la nuova “Ciudad Deportiva” – che si estende per circa 70.000 metri quadri - presenta cinque campi da calcio regolamentari (due dei quali riconvertibili in quattro campi di calcio a 7) più uno di calcio a otto, una palestra e una sala dedicata alla fisioterapia.



Inoltre, o forse sarebbe meglio dire soprattutto, la struttura può ospitare fino a 100 ragazzi che, uniti a quelli che risiedono al ‘Miralcamp’ (adesso divenuto lo ‘stadio’ del Villarreal B e la ‘casa’ del C.D. Roda, club satellite del Villarreal) fa sì che il numero dei giovani monitorati dal ‘Sottomarino giallo’ si avvicini a 1.000. Un dato davvero significativo se rapportato ai circa 50.000 abitanti complessivi della provincia e ai non più di 400 ragazzi ospitati dalla celebre ‘Masia’ del Barcellona.

Ciudad Esportiva Villarreal

LA CANTERA VILLARREAL

Chiaramente, gestire così da vicino una mole talmente grande di giovani talenti accresce esponenzialmente la possibilità di lanciare piccoli campioni. Non ancora paga, però, la società guidata dal presidente Roig ha portato avanti un progetto che le permetterà di beneficiare anche di eventuali exploit dei giocatori della zona. Infatti, attraverso il progetto “Endavant Fùtbol Provincial”, il Villarreal ha avviato una collaborazione con 37 scuole calcio della provincia di Castellon de la Plana, offrendo servizi di assistenza sanitaria e un programma di formazione per gli allenatori in cambio di un diritto di prelazione su circa 6.000 giovani.

Endavant Villarreal

Inoltre, proprio grazie al contributo del presidente Roig, il comune di Vila-real può vantare ben 16 campi di calcio, praticamente uno ogni 3.000 persone. A finanziare la promozione dell’area che si trovava in condizioni degradate è stato proprio Roig che, per non gravare sulle finanze del club, ha pagato i 3 milioni di euro proprio attraverso la ditta di ceramiche di cui è proprietario, la Pamesa. I frutti del lavoro sono evidenti: sono già parecchi i ragazzi cresciuti nel vivaio del ‘Sottomarino Giallo’ ad essere stati lanciati nella Liga: alcuni fanno ancora parte del Villarreal, altri sono stati girati in prestito per farsi le ossa, altri ancora sono stati ceduti alimentando così le casse del club che, mediamente, investe circa 12 milioni annui nel settore giovanile.

DAL 'MADRIGAL' A 'LA CERAMICA'

"Non più “Madrigal”, ma “Estadio de la Ceràmica”: non soltanto un cambio di nome, ma molto di più. Quello che per tutti è “El Feudo Amarillo”, edificato nel 1923 a pochi passi dal mar Mediterraneo, qualche mese fa ha visto quasi completata la propria ristrutturazione. Da anni, estate dopo estate, il club ha modificato di volta in volta alcuni settori della struttura, apportando migliorie che hanno reso il ‘Madrigal’ sempre più all’avanguardia.

Estadio de la Ceramica



Nel 2015, però, è arrivata una sterzata importante: la società ha ceduto il naming rights, vale a dire i diritti di demoninazione dell’edificio, ad un consorzio di aziende operanti nel settore della ceramica, risorsa principale dell’intera provincia di Vila-Real. Del consorzio fanno parte la Pamesa, azienda di proprietà dello stesso presidente Roig, la Porcelanosa (leader mondiale nel settore della ceramica) e l’Argenta Ceramica. Ma non solo, anche altre quattro società si sono aggiunte e hanno contribuito, seppur in maniera minore, al progetto. E non finisce qui: il Villarreal vorrebbe riuscire a coinvolgere tutte le aziende locali che operano nel settore della ceramica. La finalità sarebbe duplice: da una parte l’incremento dei fondi a disposizione del club per i lavori di adeguamento e ristrutturazione dello stadio, dall’altra l’ex ‘Madrigal’ diventerebbe davvero di proprietà dell’intera comunità.

Immancabilmente la parte esterna di una delle due ‘curve’ – il Fondo Sur - è stata ricoperta da circa duemila metri quadri di porcellana e la piazza presente di fronte allo stadio, Plaza del Llaurador, è stata rimodernata a spese del club e adesso ospita alcuni eventi internazionali incentrati proprio sulla ceramica. Ma non finisce qui. Secondo quanto dichiarato dal presidente Roig “il progetto è ancora al 25%. Nei prossimi 4 anni i lavori proseguiranno e anche gli interni dello stadio saranno migliorati, con l’allestimento di un museo e non solo. Il Villarreal, dunque, si ritrova ad avere uno stadio più accogliente e all’avanguardia, ma non solo.

“Nel 2017 ricaveremo circa 3 milioni di euro – ha aggiunto Roig - ma questa cifra aumenterà di anno in anno fino ad arrivare ad 8 milioni a stagione. Attualmente i marchi coinvolti finora rappresentano il 30% del settore della ceramica in Spagna, ma pian piano riusciremo ad aggregarne molti altri”. Insomma, migliorare senza spendere – e addirittura guadagnando – si può. E il Villarreal lo sta facendo molto bene.

Si ringrazia per la collaborazione il blog "Il Sottomarino Giallo"

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità